Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Storie di vita e di montagna San Pellegrino, per i bambini meno fortunati c'è il "Giocattolo sospeso" in...

San Pellegrino, per i bambini meno fortunati c’è il “Giocattolo sospeso” in cartoleria

Un giocattolo “sospeso” per i bambini meno fortunati. L’idea – subito sposata dall’Amministrazione comunale – è venuta alle titolari della cartoleria “La matita” di via San Carlo a San Pellegrino, le sorelle Alexandra e Aurora Milesi (che hanno aperto dallo scorso aprile, ritirando l’attività da Stefano Torriani) grazie al “suggerimento” di un signore che spesso si occupa di accompagnare i ragazzi sullo scuolabus. E’ nata così l’iniziativa che ha il patrocinio del Comune e, probabilmente, consentirà a qualche bambino di sorridere a Santa Lucia o a Natale. “Il giocattolo sospeso” ha lo stesso obiettivo del “caffè sospeso”, offrire a chi è in difficoltà un momento di felicità.

Coinvolti assessore ai Servizi sociali Elena Sonzogni e l’assistente sociale, l‘iniziativa partirà il 25 novembre e proseguirà fino al 17 dicembre: in cartoleria si potrà acquistare un piccolo dono (giocattolo, libri, articoli di cartoleria) oppure fare un’offerta direttamente al negozio. Cartoleria e Amministrazione comunale si occuperanno poi “di distribuire un sorriso – dice l’iniziativa – ai bambini che ne hanno più bisogno”.

C’è poi una seconda iniziativa legata al Natale voluta dall’Amministrazione comunale: si chiama “Le scatole di Natale”: basta dotarsi di una scatola da riempire con qualcosa da indossare di caldo, un prodotto di bellezza, qualcosa di goloso, un passatempo e un biglietto gentile.

I destinatari in questo caso potranno essere bambini e adulti, quindi è importante che sulla scatola venga indicato se per uomo o donna o bambino e in questo caso anche di che età. L’obiettivo è far avere un regalo da mettere sotto l’albero di Natale anche a coloro che, a causa delle difficoltà economiche, non possono permetterselo.

“Sono iniziative – spiegano dal Comune – per promuovere il senso del dono e dell’attenzione all’altro ed in particolare alle situazioni di maggiore fragilità e in particolare in questo periodo dove non tutti possono festeggiare il Santo Natale nello stesso modo”.

Mercoledì 23 novembre 2022