Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Storie di vita e di montagna Piazzatorre, vince il ricciolo. Chiara e Stefano Miss e Mister 2022

Piazzatorre, vince il ricciolo. Chiara e Stefano Miss e Mister 2022

Capelli rossi e look urbano, si chiama Chiara Lombardi, ha 23 anni e viene da Pavia. Lui, invece, ha 19 anni, è Stefano De Amici, viso pulito, e arriva dal Milanese.

Sono Miss e Mister Piazzatorre 2022, eletti dalla giuria del concorso ideato negli anni ‘80 e rinnovato a partire dal 2018 dai giovani del gruppo Melone Verde. I giurati hanno votato non in base alla sola “bellezza”, – concetto del resto più che mai relativo – ma guidati da quattro criteri: simpatia, vestiario, estetica, portamento (Svep). La proclamazione è avvenuta il 16 agosto, al campeggio di Piazzatorre, durante la serata presentata da Pierluigi Arioli.

Mister Piazzatorre, Stefano De Amici col presentare del concorso Pierluigi Arioli

Fondamentale, a smentire le critiche di favoritismi, il voto del pubblico, che scambia primo e secondo posto delle ragazze con i due punti extra della votazione Instagram: Giulia Paleni di Piazzatorre, seconda, risulta vincitrice per la giuria, ma la Miss è Chiara grazie al supporto del pubblico, che le aveva fatto vincere anche il turno precedente risolvendo un pareggio con il tifo a suo favore.
Al secondo posto degli uomini Paolo Concina, 21 anni, di Bergamo, già Mister nel 2019. Terzo e terza Mattia Ceppitelli, 25, e Alissa Legnini, 24.

La passerella del 2022 è particolarmente evocativa: la famiglia di Massimiliano Petrucci, proprietaria del Camping Piazzatorre, realizza un ambiente accogliente e colorato, dalle bandierine triangolari, ai fiori sui tavoli, ai seggi di legno, trasformando la pista da sci invernale in un anfiteatro a cielo aperto, dove il calore del pubblico si riversa sui giovani partecipanti, trascinati dalle loro ondate di vita e dal sano baccano dei propri festeggiamenti.

A Piazzatorre, dunque, vince il ricciolo, quelli rossi di Chiara e quelli mori di Stefano, mentre sul vestiario prevale una certa nota casual: nelle donne il monocromo nero tra pantaloni e cappellino, coperto da un giubbotto amaranto; felpa e jeans negli uomini. Soprattutto, vince la spensieratezza, la noncuranza che però non è incuria di sé: cioè lo scendere sul tappeto senza curarsi di nulla che non sia il divertimento e la voglia di passare una serata felice. Chi ha sfilato da passerella di moda – e forse era più quotato – ha perso, chi non avrebbe mai pensato di vincere ha vinto.

Mercoledì 17 agosto 2022