Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Storie di vita e di montagna Giro d'Italia 2021: le tappe di montagna

Giro d’Italia 2021: le tappe di montagna

E’ stato presentato il percorso del Giro d’Italia 2021.

Il via per l’edizione 104 della corsa è previsto per l’8 maggio da Torino e l’arrivo il 30 maggio, come di consueto a Milano. Il punto più a sud toccato sarà Foggia, quello più a nord il Passo del San Bernardino, al confine tra Lombardia e Svizzera. In totale saranno percorsi 3450 km suddivisi in 21 tappe.

“È un percorso che mi piace, sono contento di come è stato disegnato – ha spiegato Vincenzo Nibali – Ci sono tante salite, alcune molto importanti, tra queste sicuramente lo Zoncolan! Adesso mi concentrerò per prepararlo al meglio”.

Lo Zoncolan è solo una delle tante salite storiche che saranno affrontate nel corso del 104° Giro d’Italia che avrà nelle tappe di montagna, come sempre, il suo clou, dall’Appennino alle Alpi.

La montagna inizierà subito dal terzo giorno con la tappa Biella-Canale con le salite del Bric delle Forche (522 m), Castino (540 m) e Manera (625 m). Il giorno successivo sarà il turno della Piacenza – Sestola, con il Castello dei Carpineti (780), il Montemolino (933), il Colle Passerino (1052) che precede l’arrivo a Sestola (1020 m).

Dopo un giorno “tranquillo” la montagna tornerà nella tappa numero 6 Grotte di Frasassi – Ascoli Piceno con la Forca di Gualdo (1496), Castelluccio (1452), Forca di Presta (1536), Ascoli Piceno e la scalata fino a San Giacomo (1090), Quindi nella tappa 8 ancora un po’ di montagna con Bocca della Selva (1393) punto cruciale della Foggia-Guardia Sanframondi. Dopo Puglia e Campania ecco la tappa abruzzese Castel di Sangro – Campo Felice con il Passo Godi (1556), Forca Caruso (1107), Ovindoli (1378), il passaggio da Rocca di Mezzo e l’arrivo in salita a Campo Felice (1655).

Ancora montagna, ma più soft, si avrà poi nella “tappa del vino” Perugia-Montalcino, mentre più dura sarà la Siena – Bagno di Romagna, 209 km co i Passi della Consuma, della Calla e del Carnaio.

Il primo “tappone alpino” è in programma il 22 maggio con la scalata dello Zoncolan (1730 m) nella tappa Cittadella-Zoncolan. Quindi il 24 maggio, 16 esima tappa, la Sacile – Cortina d’Ampezzo con La Crosetta (1118 m), il Passo Fedaia (2057 m), il Passo Pordoi (2239 m) e il Passo Giau (2233 m). Più soft la tappa Canazei – Sega di Ala, con partenza dalla Val di Fassa e due salite (Passo San Valentino 1315 m) e la salita finale da 148 a 1246 metri.

Ci si sposta quindi sulle Alpi Occidentali con la Abbiategrasso – Alpe di Mera in programma il 28 maggio con il Mottarone (1341 m), la Colma di Varallo (928 m), il passaggio da Scopello e l’Arrivo ai 1531 m dell’Alpe di Mera. Durissima anche l’ultimo tappa di Madesimo prima del gran finale a Milano. La Verbania – Valle Spluga – Alpe Motta con il Passo San Bernardino (2065) e Passo Spluga (2115) poi discesa a Campodolcino (1102 m) e arrivo a 1727 metri sull’Alpe Motta.

Tante saranno le località sciistiche toccate dalla corsa come Cimone, San Giacomo Monte Piselli, Ovindoli, Campo Felice, Ravascletto, Canazei Val di Fassa, Cortina d’Ampezzo, Alpe di Mera, Mottarone, Madesimo etc.

Sabato, 27 febbraio 2021