Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Storie di vita e di montagna "Clan2" di Foppolo, fu lo sci club di Sofia Goggia. Dopo mezzo...

“Clan2” di Foppolo, fu lo sci club di Sofia Goggia. Dopo mezzo secolo nuovo presidente

E’ stato lo sci club dove Sofia Goggia, campionessa olimpica di discesa libera, ha imparato a sciare (ma anche Carlo Gerosa), e a cui è sempre stata legata. Dopo 48 anni ininterrotti di presidenza, Guglielmo Rinaldi lascia la guida del “Clan2” di Foppolo. Lo storico sci club nacque nel 1964, quando ancora a Foppolo c’era poco cemento, in una delle prime stazioni sciistiche dell’arco alpino. Lo sci club prese il nome di “Clan 2” perché, all’epoca, la stazione era frequentata dal “molleggiato” Celentano (Clan Celentano fu la casa discografica fondata dal cantante nel 1962).

Il Clan2 nacque il 13 febbraio 1964. Primo presidente fu Attuel Salvi, dal 1974 Guglielmo Rinaldi, che da allora aveva mantenuto la guida dello storico sci club. Da cui usciranno poi, oltre a decine di maestri di sci, anche Nazionali azzurri come Luca Bordogna, Carlo Gerosa, Elena Pecis e Sofia Goggia. Oggi il club conta circa 300 soci, ma recentemente è arrivato ad avere anche 700 iscritti, da tutta la Lombardia.

POPI COLOMBO NUOVO PRESIDENTE

Il 24 settembre 2022 l’addio proprio di Rinaldi durante l’assemblea dei soci e dopo quasi mezzo secolo: “Oggi il club ha bisogno di un presidente più giovane, forte e determinato”, scrive Rinaldi nella sua lettera di dimissioni. Il direttivo ha nominato il nuovo presidente: Popi Colombo. Vice presidente e segretario Anna Venier, secondo vice presidente Fabio Ratti, tesoriere Jacopo Cavalli, direttore tecnico Ivo Perico. Gli altri consiglieri sono Albergo Agazzi, Maria Elena Leonardi, Fabio Bagattini e Carlo Zanoletti.

La dedica di Sofia Goggia al Clan2

Così Sofia Goggia, a Ferragosto del 2019, ricordava in uno scritto sul web il suo legame con il “Clan2”, i suoi maestri e Foppolo:

“Ripenso a quei tardi pomeriggi di venerdì quando dopo le lezioni di nuoto e i compiti partivamo sulla Nissan Terrano verde di papà, con il bagagliaio pieno, pronti per stare qui fino a domenica sera. A quelle colazioni che facevamo tutti e quattro insieme prima di andare a sciare. Al ritrovo delle ore 8 al piazzale, dove mi attendevano il maestro e il gruppo di bambini del Clan2 con cui sciavo. Alle discese sulla Quarta Baita e sul Montebello, a quella vecchissima e traballante seggiovia a un posto del Valgussera; quanto mi divertivo a prenderla e che gran fascino che esercitava su tutti noi. A quella stradina di collegamento tra Foppolo e Carona, tutta in piano, vicino al ruscelletto, e senza reti; la facevamo tutti “spianati”, a uovo; se qualcuno chiede al maestro di quegli anni qualcosa di me, lui risponde dicendo che non c’è stato un giorno in cui io, al traguardo di quella stradina, non sia arrivata prima. La competizione era tutto per me; vivevo per quelle giornate, dove volevo imparare a sciare meglio e dove un semplice “brava” del mio maestro era tutto ciò che mi bastava per tornare a casa soddisfatta e con il sorriso. E a casa c’era sempre la mamma, che nulla ci faceva mancare; arrivavamo infreddoliti per pranzo ma la tavola, con qualche piatto fumante, era pronta”.

Sofia Goggia a Lenna quest’estate con il dono del Clan2. Il primo, da sinistra, il presidente del club Rinaldi (Copyright Valbrembanaweb)

Domenica 25 settembre 2022