Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Storie di vita e di montagna Agricoltura di montagna: in arrivo 18 milioni di euro dalla Regione

Agricoltura di montagna: in arrivo 18 milioni di euro dalla Regione

Regione Lombardia ha aperto un bando da 18 milioni di euro riservato alle indennità compensative per gli agricoltori che lavorano nelle aree svantaggiate di montagna.
Lo ha comunicato l’assessore all’Agricoltura, Fabio Rolfi.
“Una misura – ha spiegato l’assessore – finalizzata a contrastare l’abbandono delle superfici agricole in alta quota. Solo se diamo un valore economico a questa attività possiamo garantire un reale presidio del territorio, la salvaguardia della biodiversità, la prevenzione del rischio idrogeologico e dell’erosione dei suoli, oltre alla redditività delle imprese”.
“Siamo in un periodo di forte difficoltà per le imprese agricole – ha sottolineato Rolfi -. Avere a disposizione una iniezione di liquidità è fondamentale per la loro sopravvivenza, specialmente in aree svantaggiate sotto il profilo logistico”.

Il bando prevede l’erogazione di un’indennità annua commisurata ai maggiori costi di produzione e ai minori ricavi delle imprese agricole di montagna, causati dagli svantaggi naturali e strutturali cui sono soggette. Sarà un premio annuale per ettaro di superficie, il cui importo è rapportato alla tipologia colturale e, nel caso delle superfici pascolive e dei prati, all’altimetria e alla pendenza.
La domanda deve essere presentata entro il 16 maggio per via telematica, attraverso il portale di Regione Lombardia.

“Il mantenimento dell’agricoltura di montagna – ha proseguito l’assessore – contribuisce alla protezione dell’ambiente e all’adattamento ai cambiamenti climatici. In questo grave momento di crisi è necessario essere al fianco degli agricoltori. Questi contributi possono aiutare a mantenere sul territorio montano le piccole e le medie aziende, assicurando un’integrazione del loro reddito e una maggiore sostenibilità economica”.
“Il sostegno economico – conclude Rolfi – deve essere accompagnato anche da una forte promozione dei prodotti, legando sempre di più agroalimentare, turismo e territorio. Solo così possiamo fare in modo che gli interventi siano proficui per le aziende anche nel lungo termine. C’è una necessità di investire anche in infrastrutture, fisiche e digitali, per mettere i produttori di montagna nelle condizioni di lavorare abbattendo gli svantaggi logistici. Sarà uno degli obiettivi del prossimo Piano di sviluppo rurale”.

Mercoledì 16 marzo 2022