Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News Guardie mediche scoperte, ipotesi accorpamenti. La Valle Brembana contraria

Guardie mediche scoperte, ipotesi accorpamenti. La Valle Brembana contraria

“E’ un problema di cui stiamo discutendo da tempo al tavolo provinciale, insieme all’Azienda tutela della salute (Ats) di Bergamo. Siamo contrari ad accorpamenti delle sedi. E non dobbiamo seguire la logica degli accessi, perché saremmo perdenti”. Così l’assessore ai Servizi sociali della Comunità montana e presidente dell’Ambito Valle Brembana Laura Arizzi interviene sulle chiusure che in queste settimane si stanno susseguendo in alcune sedi di Guardia medica in Valle Brembana, a Serina, Piazza Brembana e Zogno (problema, peraltro, che riguarda anche la Valle Imagna ma anche altre sedi nella nostra provincia). L’Ats avrebbe ipotizzato, stante la carenza di medici, di accorpare alcune sedi. Di fatto di chiuderne alcune, per esempio, in Valle Imagna sia Sant’Omobono sia Villa d’Almè. Qui l’articolo.

Il presidente dell’Ambito Val Brembana, Laura Arizzi (Copyright Valbrembanaweb)

“Esiste un tavolo provinciale – spiega Arizzi – nel quale la valle è rappresentata da un medico di medicina generale per quanto riguarda gli aspetti tecnici, e a livello politico dal presidente del Distretto di Bergamo Giambattista Brioschi. Presidente che è in continuo confronto con me e alcuni sindaci coinvolti dalle Continuità assistenziali istituite per la mancanza del medico di medicina generale”.

“L’argomento è in continua discussione anche nei tavoli tecnici tra l’ordine dei medici e Ats, dove si stanno cercando soluzioni alla carenza di medici e contratti idonei – continua l’assessore -. Sicuramente l’accorpamento è da evitare e comunque non deve essere dettato da logiche di numero di accessi, per le quali saremmo perdenti, anche perché i cittaini accedono ai servizi se non per estreme necessità”.

Insieme agli Ambiti della Valle Imagna e di Bergamo, conclude l’assessore, si sta cercando di realizzare un progetto per accedere ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza, per potenziare i servizi soprattutto per anziani e soggetti fragili.

Lunedì 25 aprile 2022