Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News Funicolare di San Pellegrino: collaudi bis in corso, partenza in primavera

Funicolare di San Pellegrino: collaudi bis in corso, partenza in primavera

A due anni dalla conclusione dei lavori, la funicolare di San Pellegrino (proprietà del Comune), rimessa in funzione grazie ai cinque milioni di euro della Regione Lombardia, non parte ancora. I ritardi dell’avvio si sono accumulati per problemi burocratici legati all’assegnazione della gestione. Gestione ora affidata alla Sacif di Marco Calvetti di Piazzatorre (la stessa che con Belmont Foppolo gestisce le seggiovie di Foppolo).

In questi giorni sono previsti ulteriori collaudi (quelli ministeriali effettuati mesi fa sono ormai scaduti) e l’intenzione del Comune e della società di gestione è quella di poter avviare l’impianto di risalita per la prossima primavera. Tutto dipenderà dai risultati dei collaudi, ma non dovrebbero esserci problemi. L’ipotesi di poterla avviare per le vacanze natalizie è svanita, sia per i ritardi accumulati appunto nell’iter di assegnazione della gestione, ora per i collaudi, ma anche per la situazione della Vetta: il nuovo parco voluto dal Comune è concluso ma la località, un tempo area vip di San Pellegrino, oggi non è sicuramente particolarmente attrattiva. La primavera potrà forse offrire anche un clima più piacevole per i visitatori e i viaggiatori in funicolare .

Realizzata a inizio ‘900, la funicolare di San Pellegrino porta da viale della Vittoria alla località Vetta. Chiusa dal 1989, è stata riammodernata grazie ai fondi regionali, dalla società altoatesina Leitner.

Nel frattempo il Comune di San Pellegrino ha emesso un avviso per la costituzione di un partenariato pubblico-privato per avere ulteriori fondi da investire nella valorizzazione della Vetta. Manifestazione di interesse scaduta il 13 dicembre e a cui hanno risposto tre operatori privati.