Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Storie di vita e di montagna Addio città, meglio le capre a Dossena. La scelta controcorrente di due...

Addio città, meglio le capre a Dossena. La scelta controcorrente di due ventenni

Lei, Elisa Bellazzi, ha lasciato Trezzano Rosa (Milano); lui, il fidanzato Matteo Landotti, invece, Pandino (Cremona). Entrambi ventiduenni hanno preferito un piccolo paese di montagna della Val Brembana all’hinterland cittadino e alla bassa. Niente inquinamento, niente traffico, ma natura e animali.

Una scelta decisamente controcorrente per i due giovani cittadini in una valle – la nostra – che da anni è alle prese con lo spopolamento. E anche Dossena, nonostante le tante iniziative messe in campo proprio dai giovani, purtroppo non è da meno. Seppure non abbiano alle spalle una tradizione contadina, si sono però lanciati: dopo aver conosciuto Dossena per via di un pranzo nel 2016 e avervi fatto una passeggiata, hanno trovato la baita e la stalla giuste, in località “La Mora”, a circa 1.200 metri di quota. Quando hanno saputo che era stata messa in vendita l’hanno acquistata e dal giugno dello scorso anno hanno deciso di venirvi ad abitare.

L’azienda inizia quest’anno l’attività con capre camosciate delle Alpi, con qualche maiale, pony e conigli. “Partiremo con la vendita di qualche prodotto – dicono i due giovani – e la visita all’azienda. Con l’obiettivo di diventare un’azienda green, con pannelli fotovoltaici e un impianto di potabilizzazione dell’acqua che arriva direttamente dalla sorgente. E poi vorremmo diventare una vera fattoria didattica“.

Forse i due giovani luogo migliore non potevano scegliere: avranno sicuramente come esempio da seguire proprio il sindaco, Fabio Bonzi, rinomato allevatore di capre, e il supporto di un paese che su turismo green, prodotti tipici e giovani sta cercando di (ri)costruire il suo futuro.

Mercoledì 19 gennaio 2022