Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News Zogno: "Altri medici vogliono lasciare. La Guardia medica resti aperta". Ats per...

Zogno: “Altri medici vogliono lasciare. La Guardia medica resti aperta”. Ats per ora non prevede chiusure

“Ci sono altri medici di famiglia che vogliono lasciare l’incarico, chiediamo di mantenere aperto nel nostro Comune il servizio di Continuità assistenziale, così da accogliere i bisogni del nostro territorio e dell’intera valle“. Così l’appello del sindaco di Zogno Selina Fedi inviato al direttore generale di Ats Massimo Giupponi, all’assessore ai servizi sociali della Comunità montana Laura Arizzi e al presidente dell’Assemblea dei sindaci del Distretto di Bergamo Giambattista Brioschi.

Un appello che arriva dopo la proposta dello stesso Distretto di accorpare alcune sedi di Guardia medica, causa carenza di personale. “A seguito delle innumerevoli comunicazioni, lette attraverso i canai informativi, in merito all’accorpamento di diversi servizi, di Continuità assistenziale – scrive il sindaco – sono a chiedere una forte attenzione sul nostro polo. Zogno rappresenta il Comune capoluogo della Valle Brembana, riteniamo quindi che il servizio costituisca un’importante risorsa per l’intera popolazione vallare, utile soprattutto in una situazione di carenza dei medici di famiglia, alcuni dei quali stanno valutando di non accettare la prosecuzione dell’incarico“.

“Inoltre – continua il sindaco – a seguito del periodo pandemico vissuto negli ultimi anni, abbiamo avuto tutti modo di constatare come ogni servizio, dislocato sul territorio, possa far fronte alle sempre più crescenti problematiche a livello sanitario che si stanno evolvendo e come, in particolare, il servizio di Continuità assistenziale abbia una rilevanza notevole nel far fronte a questi bisogno”.

ATS: NESSUN ACCORPAMENTO

Al momento Ats non ha comunque previsto accorpamenti di Guardie mediche: continueranno quindi i cosiddetti “vicariamenti”, ovvero la copertura del servizio con altre sedi. Ats prevede di chiedere a Regione Lombardia un aumento dei contratti da 200 a 221, con un adeguamento economico di circa 1.500 euro in sei mesi.

Sabato 7 maggio 2022