Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News Il The Guardian: "Foppolo resort favoloso". Ma poi descrive la stazione come...

Il The Guardian: “Foppolo resort favoloso”. Ma poi descrive la stazione come era 10 anni fa

Piste accessibili, favolose condizioni di neve, panorami mozzafiato e vicino al Regno Unito. Il celebre e storico quotidiano di Londra “The Guardian”, nei giorni scorsi, ha elogiato la stazione sciistica di Foppolo. Raccogliendo le opinioni dei propri lettori ha fatto un elenco di piccole stazioni sciistiche dall’Austria alla Finlandia, dalla Svezia alla Svizzera. Inserendo proprio Foppolo tra quelle italiane, insieme a Falcade, sulle Dolomiti. Ma rifacendosi al sito di Brembo Ski, quando – ormai una decina di anni fa – Foppolo aveva 47 chilometri di piste, un centro benessere ed erano aperti sia Carona e San Simone. E funzionava anche la pista di fondo. Ora, purtroppo, la stazione è molto più ridotta, seppure mantenga tutto il suo fascino storico, le piste siano in condizioni perfette, il mini “resort” offra servizi a misura di famiglie e bambini, e – chissà – magari tra qualche anno possa tornare ai fasti di un tempo.

Ecco il testo del quotidianto britannico: “Foppolo, a 90 minuti di auto a nord di Bergamo, si trova in fondo a una valle dove le piste sono estremamente accessibili. Con sette impianti di risalita e 47 km di piste con diversi livelli di difficoltà c’è qualcosa per tutti i livelli di abilità. La scuola di sci è molto divertente e ha prezzi ragionevoli. Se ti piace lo sci di fondo, allora c’è un facile anello di circa 3 km nella zona del Convento. Anche gli snowboarder sono ben soddisfatti. Le strutture ricreative includono negozi, un centro benessere e una pista di pattinaggio sul ghiaccio. Questo è un resort favoloso per una vasta gamma di abilità sciistiche, facile da raggiungere dal Regno Unito con favolose condizioni di neve e spesso sole. Gli skipass (adulti a partire da 23 € al giorno) possono essere utilizzati anche nelle vicine San Simone e Carona”.

Qui l’articolo del The Guardian. di Jennifer Hocknull.

Sabato 5 febbraio 2022