Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Notizie dalla Val Brembana San Pellegrino Terme: Tricolore da 7.000 metri quadri sul Grand Hotel

San Pellegrino Terme: Tricolore da 7.000 metri quadri sul Grand Hotel

Il Grand Hotel di San Pellegrino Terme splende con i colori della bandiera italiana a partire da lunedì 8 marzo, tutte le sere, sino al 21 marzo, dalle 19 alle 22.
L’iniziativa, patrocinata dal Comune di San Pellegrino Terme è stata promossa da Urban Eventi e Sound Division Service di Zogno, aziende attive nel settore spettacoli ed allestimenti in tutto il nord Italia: è il loro contributo a medici, infermieri ed a tutta la Valle Brembana per vincere la sfida dell’emergenza sanitaria.
La superficie illuminata è di 7112 metri quadri, ovvero l’intera parete frontale del Grand Hotel, una larghezza di 127 metri e alta 56 metri.
“Centrale alla proiezione della bandiera italiana è stata inserita l’immagine simbolo della lotta al Covid – spiega Massimo Pesenti, titolare di Urban Agenzia Eventi-, ovvero il medico che abbraccia l’Italia. Abbiamo unito le menti creative e tecniche dei ragazzi della Valle Brembana con la quale collaboriamo abitualmente, ed il risultato è stato incredibile. La tecnologia utilizzata è la stessa applicata per Palazzo Chigi”.

Il Grand Hotel di San Pellegrino Terme ha visto recentemente il completo restauro della facciata frontale e dopo la rimozione dei ponteggi avvenuta in questi giorni è emerso tutto il suo splendore.
“L’8 e il 9 marzo 2020 scattavano i provvedimenti più duri in tema di lotta al Covid con un lockdown totale – aggiunge Stefano Tassis, Assessore al Turismo di San Pellegrino Terme-, da qui la scelta di illuminare l’edificio esattamente ad un anno di distanza da quei momenti difficili. Non solo, il 17 marzo ricorre l’anniversario dell’Unità d’Italia. Il Grand Hotel illuminato vuol simboleggiare speranza e rinascita, la ripartenza dopo questo difficile periodo”.
L’illuminazione della facciata è stata curata con potenti proiettori led a forte luminosità, in un’ottica di attenzione al risparmio energetico.
Il calcolo illuminotecnico ha previsto fasci luminosi per 950.000 lumen complessivi, che si concentrano unicamente sull’edificio per evitare inquinamento luminoso.

Venerdì, 5 marzo 2021