Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Notizie dalla Val Brembana Pronta per questa estate la variante di Zogno

Pronta per questa estate la variante di Zogno

Un investimento considerevole, 76,7 milioni complessivi di costo dei quali oltre 61 a carico della Regione, e diversi anni di attesa e diverse false partenze, ma prima della stagione estiva la “Variante di Zogno” sarà aperta al traffico: parola di Claudia Maria Terzi, assessore alle Infrastrutture, trasporti e mobilità della Regione Lombardia, che ieri ha effettuato un sopralluogo al cantiere, a sei mesi di distanza da quello dello scorso giugno.

Incaricata dei complessi lavori, che stanno segnando in questi ultimi mesi un’evidente accelerazione, è l’impresa trentina Collini: «I lavori in questo periodo – conferma Alessandro Caloisi di ARIA, la nuova Agenzia Regionale per l’Innovazione e gli Acquisti – hanno riguardato sostanzialmente i tratti all’aperto, quindi la messa in opera delle barriere paramassi. Sono inoltre stati posati gli impianti tecnologici e anche il primo manto d’asfalto nelle gallerie».

La prima galleria, denominata «Inzogno», lunga 654 metri e la seconda, «Monte di Zogno» di 2.211 metri, portano la variante a 4,3 km complessivi, in grado di collegare in poco meno di 3 minuti di auto contro gli oltre dieci attuali, le località «Grotta delle meraviglie» e «Madonna del Lavello» situata al confine con San Pellegrino.

Presente al sopralluogo una folta rappresentanza del territorio: il sindaco di Zogno Selina Fedi con il suo vice Giuliano Ghisalberti e l’assessore Giampaolo Pesenti, ma anche i consiglieri regionali Roberto Anelli ed Alex Galizzi della Lega, il presidente di CAL (Concessioni Autostradali Lombarde) Gianantonio Arnoldi e quello della Comunità montana Jonathan Lobati.

L’apertura della variante cambierà di fatto la vita del paese, e l’amministrazione è già all’opera: nei giorni scorsi sono iniziati i lavori per l’immissione da sud, dove è prevista una rotatoria, analogamente sul lato opposto, verso San Pellegrino, dove a giorni si provvederà a deviare il traffico verso la provinciale per permettere la realizzazione dei lavori.

Guglielmo Fariello, direttore dei lavori, si mostra soddisfatto: «Il lavoro sulle gallerie è praticamente completo: vanno montati gli impianti di ventilazione e completate le rifiniture, segnaletica e manto d’asfalto finale. Anche le tre cabine elettriche sono a posto, compresi i trasformatori: manca solo l’allacciamento».

Restano da realizzare ancora tre muri di contenimento con micropali, chiamati “berlinesi”, per una lunghezza complessiva di circa 700 metri ed il completamento del montaggio delle barriere e delle reti paramassi. Non è un caso che ammonti a 33 milioni il valore delle opere complementari in tema di sicurezza.

Zogno, 13 gennaio 2021