Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News L'impresa rinuncia dopo le proteste dei residenti: Santa Croce resterà senza metano....

L’impresa rinuncia dopo le proteste dei residenti: Santa Croce resterà senza metano. Il Comune: “Tragico errore”

Colpo di scena per il previsto cantiere di metanizzazione della frazione Santa Croce di San Pellegrino. La società che avrebbe dovuto iniziare i lavori a metà giugno – la “2iRete gas Spa”, con la Pizio Spa – ha comunicato la rinuncia al cantiere, di fatto a seguito delle proteste della frazione dopo l’annuncio della necessaria chiusura della strada. Sono state 307 le firme tra i residenti che chiedevano in particolare il senso alternato (nei tratti dove possibile) e la revisione di alcune finestre di apertura. Soluzioni che il Comune e l’impresa ritenevano non attuabili. Da qui la rinuncia ai lavori da parte della società appaltatrice. A rappresentare il comitato, in un incontro martedì 31 maggio in Comune, c’erano Angela Sonzogni, Maura Cavagna e Valentina Recanati.

Il Comune, in una nota stampa, parla di “imperdonabile errore”. “E’ amaro constatare che la montagna muore anche per la responsabilità, superficialità e assenza di uno sguardo in grado di guardare anche al domani, di chi la abita”. E in Comune sono arrivate lettere di diffida e anche – tramite questura – di una manifestazione di protesta prevista il 28 maggio.

“Il comitato chiedeva solo la revisione delle modalità di organizzazione del lavoro – spiega un residente della frazione – ma nessuno, anche se non fossero state accolte, si sarebbe opposto di certo ai lavori di metanizzazione. La rinuncia della società al cantiere ci pare eccessiva”. “Non si chiedeva nulla di trascendentale – aggiunge uno dei firmatari della petizione -. Anzi, dopo l’incontro con il Comune, le nostre richieste sembravano poter essere accolte. Dispiace”.

Per altri residenti, non firmatari della petizione, invece, la protesta non ha ragione d’essere: “Già in passato la strada era stata chiusa ma non c’erano state tutte queste proteste. Si dice sempre che Santa Croce ha pochi servizi. Quella volta che finalmente li portano si è fatto scappare l’impresa che doveva lavorare”.

Ecco i comunicati del Comune.