Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News L’Atalanta esce dalla Champions League a testa alta

L’Atalanta esce dalla Champions League a testa alta

Una sconfitta, quella di ieri sera al Gewiss Stadium, non una disfatta: vincere contro l’esperta squadra spagnola del Villarreal era l’unica chance per la Dea di qualificarsi per gli ottavi di Coppa, un risultato da perseguire a tutti i costi per rimediare ai troppi errori di percorso dovuti non solo all’inesperienza ma anche a tattiche e strategie che non si sono dimostrate vincenti.

Sul terreno di gioco bergamasco, ripulito perfettamente dopo la nevicata di mercoledì sera, insieme con i pregi che hanno determinato il cambio di passo di questi ultimi anni, sono stati messi in evidenza anche gli attuali problemi della squadra, primi fra tutti l’imprecisione e le ingenuità del reparto difensivo, una certa difficoltà a verticalizzare con convinzione per consentire ad uno dei migliori settori offensivi del campionato italiano di arrivare al bersaglio.

Una sconfitta preannunciata dal primo goal spagnolo di Danjuma a soli tre minuti dall’inizio, su incomprensione difensiva fra Demiral e De Roon, e resa ancor più chiara dal secondo goal degli avversari, quello di Capoue alla fine del primo tempo.

La reazione atalantina c’è stata, rabbiosa e tenace, ed ha fruttato le reti di Malinovskyi e Zapata, oltre ai tre pali di Ilicic, Zapata e Muriel, insufficienti per ribaltare il risultato ed aggiudicarsi l’accesso agli ottavi di finale.

I tifosi bergamaschi hanno tuttavia offerto ieri sera una emozionante prova di affetto nei confronti dell’intera squadra, salutandola con un’ovazione anche dopo che il fischio finale ha sancito la fine per quest’anno dell’avventura in Champions League. Gasperini può sempre rifarsi con il premio di consolazione, l’Europa League, e pensare concretamente agli altri due obiettivi non meno importanti: scudetto, che ormai non è più considerato un tabù, e Coppa Italia. Mai come quest’anno l’Atalanta infatti sembra matura per qualcosa di importante: Milan, Inter e Napoli sono avvisate.

Venerdì, 10 dicembre 2021