Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News L'alta valle piange Claudio Busi. Camera ardente nella casa del Cai, lunedì...

L’alta valle piange Claudio Busi. Camera ardente nella casa del Cai, lunedì i funerali

L’alta Valle Brembana piange Claudio Busi, il 41enne di Zogno originario di Piazza Brembana, trovato morto la mattina di venerdì 14 gennaio in fondo a un dirupo del monte Vaccareggio, sopra Dossena. Busi, operaio alla Smi di San Giovanni Bianco, era partito giovedì pomeriggio dalla sua casa di Endenna di Zogno con la bici, in direzione Lavaggi di Dossena e il Vaccareggio, forse per scattare alcune foto.

Lasciati bici, casco e zaino si era diretto a piedi verso la cima. Il fondo ghiacciato e la neve gli sono stati fatali. E’ precipitato per 100 metri. Per lui non c’è stato nulla da fare. La camera ardente è stata allestita nella sede Cai di Piazza Brembana. I funerali saranno celebrati lunedì alle 14,30.

Claudio Busi era il figlio di Luciano Busi, vicepresidente del Cai di Piazza Brembana. Così lo ricorda il presidente Battista Stefanoni: “Quando in tarda serata è giunto l’allarme del mancato rientro di Claudio, ci siamo mossi dapprima a cercarlo nelle zone limitrofe alla sua residenza e poi coinvolgendo anche gli amici cicloescursionisti del Cai Valserina, visto che le ultime indicazioni della sua posizione giunte in tarda notte, lo collocavano nella zona alta di Dossena dove si sono poi concentrati gli sforzi dei Carabinieri, vigili del fuoco e Soccorso alpino”.

“Ringraziamo tanto anche Cesare Adobati e Mario Crippa del ciclo mtb Cai Bergamo che si sono subito attivati in piena notte percorrendo a piedi gli itinerari della zona. E infatti proprio loro sono giunti per primi sulla sommità del monte Vaccareggio dove hanno ritrovato appoggiata la bici e lo zaino con il casco, facendo presagire la disgrazia di uno scivolone fatale, poi confermato con il ritrovamento del corpo alle prime luci. Claudio era un bravissimo cicloescursionista, attento nella guida e anche rispettoso dell’ambiente innamorato di quelle montagne che non si stancava mai di fotografare. Stimato nel mondo della mountain bike, prediligeva le gite solitarie che affrontava sempre con grande attenzione alla sicurezza. Tant’è che non è stata una caduta dalla bici a tradirlo, ma probabilmente la ricerca dello scatto perfetto. E’ una grave e inaspettata perdita che ci fa stringere attorno alla famiglia – il papà è vicepresidente della nostra sezione – e che ci accomuna nel dolore.
La sede Cai di Piazza Brembana lo ospiterà per l’estremo saluto“.

Sabato 15 gennaio 2022