Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News I nostri nonni tornano ad Alassio: per la 45esima volta. L'infermiera Lucia...

I nostri nonni tornano ad Alassio: per la 45esima volta. L’infermiera Lucia al loro fianco da 34 anni

Era il 1978 quando l’allora presidente del Consorzio sanitario della Valle Brembana Piero Busi (poi diventato presidente della Comunità montana, scomparso due anni fa) organizzò il primo soggiorno per anziani in Liguria. Un’idea che sembrava un po’ azzardata, forse, per i tempi. Ma che, a lungo andare, diventò un’occasione straordinaria di socialità per i nostri nonni. Da allora – tranne dal febbraio 2020 causa stop per l’emergenza Covid – il soggiorno si è ripetuto e ha portato sulla riviera ligure migliaia di anziani.

I primi soggiorni furono a Diano Marina, poi ci si spostò ad Alassio, località che non è stata più abbandonata e un anno, il Comune ligure, ha anche premiato gli anziani e la Comunità montana, riconoscente per averla scelta così tanti anni. Dopo la pandemia si riparte: tre i turni organizzati dalla Comunità montana, assessorato ai servizi sociali guidato da Laura Arizzi, di 14-15 giorni: sono compresi tra il 6 marzo e il 18 aprile, agli hotel Adler (da sempre punto di riferimento) e il Garden (info nei comuni della valle). L’età minima è 60 anni, occorre essere autosufficienti e in possesso della Certificazione verde. Iscrizioni fino a esaurimento posti dal 22 febbraio: i primi due turni a 610 euro, il terzo turno a 690 euro.

Ad accompagnare gli anziani sarà ancora una vota (la trentaquattresima), Lucia Brozzoni, residente ad Ambria, 72 anni. Mentre da 25 anni è Chiara Locatelli, 45 anni, che per la Comunità montana si occupa degli aspetti organizzativi. Lucia iniziò nel 1987, andata in pensione dopo essere stata infermiera all’ospedale di San Giovanni Bianco. “Mi prese Busi – ricorda ancora oggi – e da allora non mi ha più lasciato. Iniziai con pochi turni, poi, col passare degli anni, mi fermai sempre, accompagnando tutti gli anziani. Ormai conosco i nonni della valle, con loro ho ancora tanti ricordi. C’è chi viene anche a 90 anni e chi meno, chi si ferma un turno e chi più. Tutti col desiderio di trascorrere giornate in compagnia. Arrivano magari dai paesi dell’alta valle, e il soggiorno ad Alassio consente loro anche di risparmiare un po’ sulle spese di riscaldamento. E in più possono trascorrere belle giornate in un clima mite”. Dunque si riparte. L’idea – che sembrava così stravagante, di Piero Busi, iniziata ormai 45 anni fa – continua a vivere più che mai.

Lucia Brozzoni, 72 anni, ad Alassio

Mercoledì 16 febbraio 2022