Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News Carisole-Foppolo, skipass unico ancora lontano

Carisole-Foppolo, skipass unico ancora lontano

Si lavora nel comprensorio di Carisole per riattivare le seggiovie ferme da un anno e mezzo. Ma la situazione appare complicata, in particolare per la seggiovia Conca Nevosa, che – a una prima verifica – avrebbe bisogno di manutenzioni importanti. A oggi 15 dicembre non è ancora certa l’apertura dell’intero comprensorio il 27 dicembre, come invece si era ipotizzato.

La società proprietaria di Carisole, la “Sviluppo Monte Poieto” di Stefano Dentella e soci (tra cui la quota maggiore sarebbe, secondo indiscrezioni, quella dell’architetto milanese Aldo Ruffini) è in attesa ancora della concessione all’uso da parte del Comune di Carona, via libera che dovrebbe arrivare col prossimo Consiglio comunale. Subito dopo, mercoledì 22 o giovedì 23 dicembre, sarebbero previsti i collaudi ministeriali. “Se tutto andrà bene – dice il direttore di stazione Ezio Berera – dovremmo riuscire ad aprire per il 27 dicembre la seggiovia di arroccamento Alpe Soliva e il tappetino del campo scuola vicino al rifugio Terre Rosse, per venire incontro a famiglie e maestri di sci. Nell’ordine procederemo poi con il Conca Nevosa e quindi con il Valgussera”.

Il Valgussera fotografato la mattina del 15 dicembre dal Montebello Copyright Valbrembanaweb

L’accordo per avere uno skipass unico con Foppolo per tutto il comprensorio sembra però lontano: nessuna trattativa ancora in corso. Se i due gestori resteranno lontani, per sciare sull’intero comprensorio Brembo Ski si dovranno pagare due skipass giornalieri: per il festivo si arriverebbe a 52 euro, per il feriale a 41 euro. Un deterrente, di sicuro, all’arrivo degli sciatori e quindi un danno per l’economia di tutta la valle.

A rendere difficoltosa l’apertura tra una decina di giorni del comprensorio di Carona potrebbe essere anche il meteo: la neve in pista è poca, a breve non sono previste nuove precipitazioni e le temperature in quota in questi giorni sono alte, causa inversione termica, con 4-5 gradi in più rispetto al fondovalle (mercoledì 15 dicembre, alle 9, sul piazzale di Foppolo c’erano già 6 gradi, rispetto allo zero di Piazza Brembana).

Mercoledì 15 dicembre 2021