Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News Carisole, dopo 50 anni addio al rifugio Giretta. Sarà ricostruito

Carisole, dopo 50 anni addio al rifugio Giretta. Sarà ricostruito

Chiuso dal 2005, è di proprietà della Devil Peak, società che a Foppolo detiene terreni e seggiovie. La struttura, ora in degrado, sarà demolita. Il rifugio, nelle intenzioni dei proprietari, sarà ricostruito il prossimo anno, poco distante dall’attuale posizione Seggiovie Valcarisole: iniziati i lavori

Addio vecchio rifugio Giretta, aperto negli Anni Settanta e chiuso dal 2005, in Val Carisole. Preda di vandalismi e in stato di degrado, un tempo era punto di riferimento degli sciatori che scendevano in pista. Da anni è abbandonato. Il suo futuro? La demolizione, seguita, il prossimo anno, dalla ricostruzione ex novo. Così almeno le intenzioni della Devil Peak, la società proprietaria della struttura. Il rifugio, infatti, rientrava nel vecchio fallimento della Foppolo Evolution di Quarti, ritirata appunto dalla attuale società di Giacomo Martignon (insieme alle seggiovie di Foppolo).

“Il Giretta – spiegano dalla Devil Peak – si trova nei pressi di un torrente (Rio Carisole) e in un punto soggetto a valanghe. Quindi, stante la pericolosità idrogeologica di quell’area, l’idea è di demolirlo e ricostruirlo ex novo in una posizione più sicura, poco distante. Stiamo valutando con il Comune la soluzione migliore. Un intervento che pensiamo di realizzare il prossimo anno”. Il Giretta sarà il terzo rifugio della Val Carisole, insieme a Terre Rosse e Mirtillo.

Intanto la “Sviluppo Monte Poieto” di Dentella e soci sta lavorando alla riapertura delle tre seggiovie della Val Carisole. “Gli operai sono al lavoro già dalla settimana scorsa – spiega il direttore Ezio Berera -. I seggiolini dell’Alpe Soliva sono stati montati. A breve provvederemo alla radiografia della fune del Valgussera, intervento che sarà realizzato in due giorni. Tempo una decina di giorni e penso che le seggiovie potranno essere pronte per sottoporsi ai collaudi ministeriali. La neve è scesa, ma il vento rischia di farcela perdere. Per questo inizieremo subito a batterla”.

Giovedì 9 dicembre 2021