Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Notizie dalla Val Brembana San Giovanni Bianco: aperto il "Ponte di Arlecchino", la maschera svetta nella...

San Giovanni Bianco: aperto il “Ponte di Arlecchino”, la maschera svetta nella rotatoria – Foto

E’ stato inaugurato nella mattinata di sabato 20 novembre il nuovo Ponte di Arlecchino, sul Brembo di San Giovanni Bianco, realizzato in tre anni, costato 3,6 milioni di euro e a collegamento tra la strada statale e via Molini, a nord del paese. Al centro della rotatoria che dà accesso al ponte è stata posta la sua sagoma.

Alcune centinaia di cittadini hanno preso parte alla cerimonia, con la neosindaca Enrica Bonzi che ha dato il benvenuto alla comunità, ad amministratori e politici.

E’ stato poi il vicesindaco Marco Milesi a illustrare l’iter che ha portato alla realizzazione del ponte, con il finanziamento statale e la firma della convenzione con il gruppo Smi che ha consentito di portare nelle casse del Comune tutti i fondi necessari. “Tengo a sottolineare – ha detto il vicesindaco Milesi – che quest’opera, la più importante degli ultimi anni nel nostro Comune, non graverà sulle future generazioni, perché nessun mutuo è stato contratto per la sua realizzazione”.

Presenti alla festa di inaugurazione anche tanti studenti delle scuole e del Centro di formazione professionale. Quindi alcuni sindaci della Valle Brembana, il presidente della Comunità montana Jonathan Lobati, il presidente della Provincia Pasquale Gandolfi, il senatore Antonio Misiani e il presidente di Sacbo Giovanni Sanga.

Il ponte è stato dedicato alla figura di Arlecchino, a memoria di tutti gli emigranti di San Giovanni Bianco e della Valle Brembana – ha ricordato il vicesindaco Milesi – e per valorizzare da un punto di vista turistico il territorio. La sagoma della maschera è stata posta al centro della rotatoria che consente l’accesso al ponte dalla strada statale.

L’11° ponte di San Giovanni Bianco servirà soprattutto per alleggerire del traffico il ponte Nuovo sul Brembo (realizzato negli anni Cinquanta), finora unica strada carrabile di collegamento tra le due sponde, in particolare consentendo un collegamento più diretto con lo stabilimento della Smi.

Dopo la festa del pomeriggio il ponte è stato aperto in serata.

Ora, per completare l’intervento di nuova viabilità del paese, servirà proseguire con la nuova strada verso il curvone dell’ex cartiera Cima, opera che però al momento non è finanziata.

Sabato, 20 novembre 2021