Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Notizie dalla Val Brembana Ambria: una nuova rotatoria per una nuova sicurezza delle strade

Ambria: una nuova rotatoria per una nuova sicurezza delle strade

Avrà un costo di circa 700 mila euro la realizzazione di una nuova rotatoria in territorio di Ambria di Zogno, i cui cantieri saranno ufficialmente aperti la prossima settimana. Quando ultimata consentirà di mettere ordine ed aggiungere sicurezza alla viabilità in un luogo dove confluiscono cinque strade: la provinciale 27 di Valle Serina, la strada proveniente dal ponte antico, un tempo unico accesso alla Valserina, la strada per Camanghè di Endenna, molto battuta in quanto di servizio al polo scolastico e al centro sportivo comunale ed infine le strade per la Valle Serina e per Spino al Brembo.

Un nodo viario piuttosto complicato, che negli anni non è mai stato teatro di gravi incidenti solo perché i conducenti, ben conoscendo la situazione, lo affrontano con la massima attenzione. Tuttavia non si può contare sempre e solo sull’esperienza e la buona volontà degli automobilisti.

Il costo dell’opera non graverà sulle casse comunali, ma sarà praticamente coperto dalla Sanpellegrino mediante compensazione per le concessioni edificatorie rilasciate dall’Amministrazione Comunale alla società delle acque minerali, accordo che include anche gli oneri di manutenzione della pista ciclopedonale nel tratto compreso tra Ambria e San Pellegrino Terme. I lavori, assegnati all’impresa Bergamelli di Albino, avranno inizio la prossima settimana.

Una nuova rotatoria, dunque, la quinta della serie sul territorio comunale zognese e che va ad affiancarsi alle tre poste sulla strada statale di valle, ai due capi dell’abitato, e a quella sempre sulla strada statale del Ponte nuovo di Zogno, in pieno centro.

Non avrà un disegno tradizionale, ma avrà l’aspetto di un’aiuola allungata a pianta ovale, in grado di raccordare tutte le strade che vi confluiscono. Una soluzione quasi “obbligata” che nella fase progettuale ha impegnato non poco gli uffici tecnici del Comune e della Provincia.

A poche decine di metri i segnali della ormai leggendaria “variante di Zogno”, la cui apertura, prevista per le scorse settimane, dovrebbe avvenire tra la fine di questa estate o almeno la fine di quest’anno. Sempre che non intervengano altri insopportabili ritardi.

Mercoledì, 25 agosto 2021