Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Nóter de Bèrghem Fondi in arrivo ai GAL e alle Comunità Montane

Fondi in arrivo ai GAL e alle Comunità Montane

Martedì, 9 febbraio 2021

Di ieri, lunedì 8 febbraio, l’annuncio da parte della Regione Lombardia dello stanziamento di 15 milioni di euro destinati ai Gruppi di Azione Locale (GAL) della Lombardia, tra i quali vi sono anche i tre gruppi bergamaschi: Gal Valle Brembana 2020, Gal Valle Seriana e dei Laghi bergamaschi e Gal dei Colli di Bergamo e del Canto Alto.

Fondi per la montagna, ma soprattutto da spendere sulla montagna perché è proprio su questo territorio che si gioca molta parte del nostro futuro: fermare l’esodo, riqualificare il tessuto produttivo, creare adeguate infrastrutture, sviluppare nuovi progetti insieme con un intervento coraggioso in materia di istruzione.

Secondo Fabio Rolfi, assessore regionale all’Agricoltura, «ad oggi i GAL lombardi hanno già impegnato il 75% delle risorse disponibili con il Piano di sviluppo rurale 2014-2020 (51 milioni di euro sui 68 totali) e prevedono di raggiungere il 100% entro giugno.

In questi due anni, che saranno di transizione tra l’attuale programmazione e la prossima, saranno garantiti bandi e risorse per circa 15 milioni, tali da consentire lo scorrimento delle graduatorie o far nuove proposte per i territori».

Nella stessa giornata di ieri la Regione, per garantire il funzionamento delle 23 Comunità montane lombarde nel 2021, ha approvato lo stanziamento di 10 milioni di euro dei quali oltre 2,3 milioni destinati alle cinque comunità montane bergamasche: 627.546 euro alla Comunità montana dei Laghi Bergamaschi, 730.330 alla Comunità montana Valle Seriana, 299.793 alla Comunità montana di Scalve, 503.271 alla Comunità montana Valle Brembana, 208.950 alla Comunità montana Valle Imagna.

Uno stanziamento importante ma inferiore di 500 mila euro rispetto al 2020 e considerato insufficiente dagli enti, che chiedono il riadeguamento almeno alla cifra messa a bilancio nello scorso anno: in questo senso l’assessore regionale Massimo Sertori sembra disponibile ad impegnarsi per trovare presto una soluzione.