Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Nóter de Bèrghem Bergamo: i segnali positivi dell'export e dell'occupazione

Bergamo: i segnali positivi dell’export e dell’occupazione

Nella bergamasca il mercato si è rimesso in moto in tutti i settori.

Bergamo nei primi sei mesi del 2021 ha esportato più di quanto fatto nello stesso periodo del 2019, lo evidenziano i dati della Camera di Commercio che non solo segnalano un recupero ma anche una crescita dell’export verso soprattutto i 27 paesi dell’Unione Europea.

Da gennaio a giugno 2021 l’esportazione è stata pari a 8 miliardi e 335 milioni di euro, una crescita del 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2019.

I dati positivi sono dovuti principalmente al settore della meccanica legato ai macchinari.

Nel secondo trimestre del 2021 l’esportazione bergamasca ha fatto segnare un +50,9% rispetto al 2020 in piena pandemia, il dato è migliore anche di quello regionale (+46,7%) e di quello nazionale (+49,1%).

In merito all’occupazione si è registrato un incremento su base annua a fine settembre di 6.222 posti di lavoro dipendente che supera la media mensile pre-pandemia del 2019.

I dati indicati nel report dell’Osservatorio del mercato del lavoro della Provincia aggiornati al terzo trimestre 2021 registrano un incremento nel lavoro in somministrazione +3.126, apprendistato +1.715 e dei contratti a tempo determinato +1.538.

Le assunzioni, 35.373 tra luglio e settembre, sono in aumento, +12,3% rispetto al terzo trimestre pre-Covid del 2019, con una ripresa degli avviamenti di donne e giovani.

In particolare le donne sono il 40,3% delle 35 mila assunzioni, la percentuale più alta degli ultimi anni.

I settori dove si registrano i maggiori incrementi sono: commercio e servizi +11,8%, industria +12,3%, le costruzioni +12,5%, l’agricoltura +20%.

Da evidenziare un fenomeno nuovo relativo alle dimissioni, uscite volontarie da contratti a tempo indeterminato: 6.100 nel terzo trimestre con un aumento del 27,7% sul 2019 che potrebbe essere un effetto della ritardata uscita rinviata a causa della pandemia oppure una volontaria ricerca di un nuovo lavoro.

Il report evidenzia anche una difficoltà nella ricerca di personale, segnalata anche da alcune imprese, soprattutto delle figure tecniche, di alta specializzazione, operai, professioni impiegatizie, di commercio e servizi.

Giovedì, 11 novembre 2021