Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Nóter de Bèrghem ACI Bergamo: educazione alla sicurezza stradale

ACI Bergamo: educazione alla sicurezza stradale

L’educazione è l’asse portante in ogni processo formativo e di crescita. E lo è sicuramente in un campo fondamentale come quello della sicurezza stradale. Coerentemente con questo obiettivo e convinto della necessità di sensibilizzare partendo dalla scuola, l’Automobile Club di Bergamo da anni promuove corsi rivolti agli alunni delle elementari e agli studenti delle superiori, in prossimità anche – spesso – del conseguimento della patente di guida.
Purtroppo le iniziative dell’anno scolastico appena concluso sono state parecchio condizionate dalla didattica a distanza, in conseguenza del covid. Non si è comunque voluto venir meno all’impegno di una presenza con relative proposte.
Dove il fattore pandemico ha inciso maggiormente è stato nella fascia dei bambini e ragazzi delle scuole d’infanzia, primaria e primo anno della secondaria, destinatari dei corsi “TrasportACI”, “A passo sicuro” e “2 ruote sicure”. Nell’anno scolastico 2018-19 i fruitori di questo primo avvicinamento alla sicurezza stradale erano stati 201. Nell’anno appena concluso non si è potuto tenere “TrasportACI”. Si è però messa in atto l’iniziativa “Disegna la tua strada sicura”, che rientrava in una campagna mondiale promossa dall’ONU dal 17 al 23 maggio, mirata soprattutto alla tutela delle utenze deboli, in primis i bambini. Qui sono state 2 le scuole bergamasche che hanno aderito.
Salendo alle superiori, sono stati 80, pur con la “dad”, gli studenti che hanno seguito i corsi dell’Automobile Club di Bergamo, sotto il segno di “Ready2Go”, con risultati giudicati molto positivi dal direttore Giuseppe Pianura. Certo si sono fatte sentire e hanno pesato le limitazioni vissute dal marzo 2020 e sino al termine dell’anno scolastico 20-21. Solo per dare un esempio: nell’anno precedente gli studenti delle superiori ai corsi ACI erano stati 374. Significativi i moduli formativi trattati: “Alcol, droghe e guida dei veicoli”; “Nuove tecnologie, adeguati stili di guida e aspetti psicologici”; “Gli effetti della distrazione alla guida”; “Gli utenti deboli della strada. Pedoni e ciclisti”.
È in fase di sperimentazione il modulo “Ciclomotori, quadricicli e regole per i neopatentati” per la fruibilità nella nuova modalità a distanza, quindi per via elettronica.
“La sede centrale di Roma – sottolinea il direttore Pianura – è molto dinamica su queste tematiche e fornisce moduli per la formazione delle scuole di ogni ordine e grado. Speriamo di poter ripartire
appieno nel prossimo settembre con i nostri diversificati corsi. Riteniamo decisiva la mission della sicurezza complessiva di tutti gli utenti della strada”.

.

Martedì, 16 giugno 2021