Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Storie di vita e di montagna Punti nascita troppo lontani, Nicolò viene alla luce a San Giovanni Bianco

Punti nascita troppo lontani, Nicolò viene alla luce a San Giovanni Bianco

L’ospedale di Bergamo era troppo lontano. E anche se il punto nascite è chiuso dal 1° gennaio 2015, Nicolò è nato lo stesso a San Giovanni Bianco, in pronto soccorso. “E di questo siamo contenti e orgogliosi”, dicono ora mamma e papà. E’ la mattina di domenica 25 settembre: Serena Milesi, 35 anni, di San Giovanni Bianco, impiegata, inizia ad avere i dolori del parto. Si prepara per il viaggio verso il Policlinico di Ponte San Pietro. Ma capisce che il bambino (il secondogenito, dopo Samuele, 4 anni), sarebbe arrivato prima.

“Così ho detto a mio marito, Sebastiano, di fermarsi al Pronto soccorso di San Giovanni Bianco – racconta -. Lì il personale ha chiamato un’ambulanza per portarmi a Bergamo, ma il medico ha capito che in città non sarei arrivata in tempo”. Nicolò nasce infatti poco dopo, alle 8,43, con l’assistenza di medici e infermieri dell’ospedale. Pediatria e punto nascite sono chiusi, ma a San Giovanni Bianco si nasce ancora.

E’ stata una festa – racconta ancora Serena, che col marito Sebastiano Ambrosioni, 45 anni, vive nella frazione di Oneta – per le infermiere e per i medici. Il cordone ombelicale è stato tagliato a San Giovanni Bianco, quindi Nicolò è nato qua. Già due anni fa, mi è stato detto, una mamma aveva partorito in ospedale, ma poi il cordone era stato tagliato a Bergamo”.

Il benvenuto a Nicolò a Oneta

Quindi l’appello: “Vorrei ringraziare di cuore tutto il personale del pronto soccorso dell’ospedale di San Giovanni Bianco che mi ha assistita durante la nascita. Nonostante nessuno di loro fosse specializzato in quel campo, sono stata trattata benissimo da tutti, mi hanno coccolata e hanno accolto amorevolmente mio figlio tra le braccia. Sarebbe importante riavere un punto nascite in valle per dar la possibilità a tutte le future mamme di vivere serenamente il momento del parto senza la paura delle distanze dagli ospedali di città. Magari basterebbe un’ostetrica reperibile per dare maggiore sicurezza a chi abita in valle”.

Ospedale di San Giovanni Bianco

Sabato 1 ottobre 2022