Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Storie di vita e di montagna Orso a spasso sulle piste da fondo

Orso a spasso sulle piste da fondo

E’ di pochi giorni fa l’avvistamento delle orme del plantigrado rinvenute dai carabinieri forestali del Piemonte in Val Grande, nella zona tra Verbano e Ossola. Con ogni probabilità si tratta di M29, un orso nato in Trentino durante l’inverno del 2013 nel Parco naturale dell’Adamello-Brenta.

Seguono alcune tracce inequivocabili trovate in provincia di Trento, troppo grandi per essere quelle di un cane e con una forma che lasciava pochi dubbi al proposito. Un esemplare di orso era infatti andato a farsi un giretto proprio nella conca delle Viote, lasciando diverse file di impronte nella neve.

Aprile, è il momento del risveglio dopo il letargo invernale, ma più che obbedire ad un orologio prestabilito, il risveglio dipende un po’ dal carattere degli animali: ci sono orsi più dormiglioni ed altri invece con il sonno leggero. Tanto che, riferiscono alcuni scialpinisti, anche in pieno inverno si sono visti passaggi sulla Cima Verde.

Le tracce comprendono orme ben delineate, e anche neve e terra smosse, forse dall’animale alla ricerca di cibo. Non ci sono stati avvistamenti veri e propri, anche perché in genere gli orsi rifuggono la confusione, e si muovono all’alba o al tramonto, o anche di notte, nelle ore in cui la presenza umana in alta montagna è estremamente rara. Il Servizio Faunistico della Provincia tiene monitorata la situazione. Non si può parlare però di un “orso delle Viote”, perché tutto il sistema delle catene delle montagne è collegato, e i plantigradi si muovono tra Bondone, Stivo, Paganella e Monte Gazza, all’interno di un vasto areale e completando decine di chilometri al giorno, spostandosi alla ricerca del cibo nei boschi.

Le reazioni dei fondisti, alla notizia della presenza dell’orso in zona, sono state tra le più varie, da chi per il timore di un improbabile faccia a faccia, ha deciso di fare sport in compagnia a chi era molto emozionato e quasi felice, a chi invece ha inserito l’informazione come un elemento in più da tenere presente nell’affrontare l’ambiente naturale.

Sabato, 10 aprile 2021