Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Storie di vita e di montagna Moio, il sindaco fa togliere la cabina telefonica: inutilizzata. Fu il simbolo...

Moio, il sindaco fa togliere la cabina telefonica: inutilizzata. Fu il simbolo dei piccoli Comuni

Dal 2010 al 2015 è stata al centro delle battaglie del Comune di Moio e della sua comunità, simbolo delle piccole realtà che volevano resistere di fronte ai numeri. La cabina telefonica di Moio de’ Calvi ha resistito, fino a questi giorni. Più volte Telecom tentò di eliminarla: era sottoutilizzata, ormai i telefoni cellulari avevano preso il sopravvento. Gli utenti – nella piccolissima Moio – altrettanto pochi.

Ma sempre – prima il sindaco Davide Calvi e poi Paolo Agape – si opposero alla sua rimozione. Battaglia vinta. Ma, di fatto, la cabina è rimasta inutilizzata. Simbolo della “resistenza” di Davide (la piccola comunità di Moio) contro Golia (Telecom), ma anche, ormai, di un’epoca passata. Così, il sindaco di oggi, Alessandro Balestra, di fronte ai lavori in corso per riqualificare la piazza, ha deciso: addio alla cabina telefonica. In quel punto arriverà una delle quattro colonnine per la ricarica di e-bike, nuovo segno dei tempi. La cooperativa che lavora in paese “Terre d’Oltre Goggia” prossimamente proporrà un servizio a noleggio delle bici. Da qui le colonnine per la ricarica (oltre a una postazione per le auto). E quindi l’addio alla cabina. Con un po’ di nostalgia, ma di fatto inevitabile. Così anche Giambattista Gherardi, ex sindaco e ora in minoranza: “E’ stato un simbolo difeso con orgoglio, al di là del suo utilizzo, ormai svanito”. Telecom ha provveduto a togliere il telefono, prossimamente toccherà alla cabina.

La cabina telefonica di Moio de’ Calvi senza telefono

Mercoledì 9 novembre 2022