Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Storie di vita e di montagna Le Regioni: siamo pronte a far partire la stagione invernale

Le Regioni: siamo pronte a far partire la stagione invernale

Sono trascorsi invano i giorni tradizionalmente più attesi dagli operatori del turismo invernale, quelli legati alle festività natalizie, ma forse non tutto è perduto in coda a questa stagione infernale: Francesco Boccia, ministro degli Affari Regionali dell’attuale governo dimissionario, apre uno spiraglio: «proviamo a riaprire entro il 15 febbraio».

Tutto dipende dal via libera del Comitato Tecnico Scientifico (che molti si augurano dimissionario anch’esso), al quale il Ministro invierà ufficialmente oggi stesso le linee guida aggiornate, coinvolgendo nel contempo anche il Ministero della Salute e chiedendo una nuova valutazione tecnico-scientifica con la massima celerità.

Dal canto loro le Regioni alpine si sono dichiarate da tempo pronte a ripartire, o meglio a partire con i massimi criteri di sicurezza ed entro i termini del vigente DPCM, ossia il prossimo 15 febbraio.

Massimo Sertori, assessore regionale lombardo alla montagna, assicura che «la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha aggiornato e approvato la propria proposta di linee guida per la riapertura in sicurezza degli impianti sciistici, tenendo conto delle osservazioni presentate dal CTS». La proposta prevede anche la chiusura degli impianti delle Regioni in zona rossa e un’apertura al 50% per le Regioni in zona arancione.

Secondo Massimo Fossati, presidente degli impiantisti lombardi e amministratore del comprensorio di Valtorta-Piani di Bobbio, «le parole del ministro Boccia sono di buon auspicio, ma ciò che conta è la volontà politica di aprire».

Riaprire le piste e gli impianti e nello stesso tempo riavviare la filiera dell’indotto: ciò rappresenterebbe un forte segnale ad un comparto penalizzato pesantemente dalla crisi sanitaria e consentirebbe a gestori, imprenditori e lavoratori di organizzarsi per la ripresa delle attività in modo da non compromettere del tutto la stagione invernale, forse la voce più importante dell’economia della montagna.

Venerdì, 29 gennaio 2021