Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeRedazionaleIn evidenzaTragica caduta: la Valle Brembana e il ciclismo piangono il campione Dario...

Tragica caduta: la Valle Brembana e il ciclismo piangono il campione Dario Acquaroli

La Valle Brembana e il mondo del ciclismo piangono Dario Acquaroli, 48 anni, di San Pellegrino, uno dei mountain biker italiani più forti di sempre: ha corso 19 mondiali con la nazionale italiana, vincendo due titoli europei (1992, 1993) e due titoli mondiali (1993, 1996) oltre a cinque titoli italiani (1992, 1993, 1996, 2000, 2005).

La tragedia la mattina di Pasqua 9 aprile sulle montagne di Camerata Cornello. Era partito presto, salendo dai Piani di Scalvino intorno alle 8 verso la zona delle cave e qui verso Cespedosio. Aveva appena preso la mulattiera che scende a Bruga, un centinaio di metri sotto la strada comunale: era atteso a casa della sorella gemella Loredana, a San Giovanni Bianco, per festeggiare la Pasqua in famigliaNon rispondendo più al telefono e non vedendolo arrivare, la sorella ha chiamato i carabinieri. E’ stato trovato a terra da sei ragazzi che sono passati dalla mulattiera, intorno alle 13, accanto alla sua bici, con il caschetto rotto. Una caduta, non si sa se per un malore.

Dario Acquaroli abitava a Curno, la famiglia per anni ha gestito a San Pellegrino l’albergo Ruspinella. Lascia la sorella gemella e il fratello Stefano. Dal 2021 lavorava come marketing manager della Merida Italia, azienda che produce biciclette. Profondo il cordoglio nella comunità di San Pellegrino e in Valle Brembana per la scomparsa di uno dei suoi grandi campioni di ciclismo.

MERCOLEDI’ 12 APRILE I FUNERALI

La camera ardente sarà allestita dalla mattina del 10 aprile nella chiesa di San Nicola (Piazzo) a San Pellegrino. I funerali mercoledì 12 aprile, alle 10,30, nella parrocchiale.

Acquaroli premiato in municipio a San Pellegrino nel 2000
Dal profilo Facebook

Domenica 9 aprile 2023

spot_img