Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News Valtorta, dopo 75 anni le miniere torneranno a vivere per il turismo....

Valtorta, dopo 75 anni le miniere torneranno a vivere per il turismo. Lavori entro l’autunno

Dopo Dossena e Oltre il Colle, ora Valtorta. Le miniere costituiscono una parte fondamentale della storia della Valle Brembana. A Dossena sono già diventate turistiche, mentre quelle di zinco di Oltre il Colle sono oggetto di possibile riattivazione (per ora fermo). Adesso Valtorta, le antiche miniere di ferro, aperte addirittura quasi mille anni fa: anche loro sono oggetto di un progetto di recupero turistico, realizzato dallo storico ex sindaco Piero Busi, morto a 86 anni nel 2020. Il Comune ha recentemente richiesto un finanziamento regionale che ha ottenuto.

L’ultima volta che vennero aperte per l’estrazione fu durante la Seconda guerra mondiale, quando i giovani vi vennero mandati per evitare di partire al fronte. Da circa 75 anni, quindi, la chiusura. Ora, grazie anche a quel sogno di Busi, arrivano i primi fondi per mettere in sicurezza i sentieri e gli accessi: 404 mila euro. Un primo passo verso la messa in sicurezza e la possibile riapertura in chiave turistica.

Le miniere che si andranno a esplorare sono quelle della Val Caravino, raggiungibili in circa dieci minuti a piedi dalla strada per Ceresola. “Sono miniere storiche – spiega il sindaco Antonio Regazzoni – ma mai mappate, quindi tutte da scoprire. Quelle più alte sono anche verticali, ma una volta sfruttate vennero riempiete di materiale, quindi andranno di nuovo svuotate per capire come si potrà intervenire a fini turistici”. I primi lavori sono previsti entro ottobre 2022.

Martedì 5 luglio 2022