Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News Santa Lucia: quando è lecito ritornare un po’ bambini

Santa Lucia: quando è lecito ritornare un po’ bambini

Nella propria memoria ogni buon bergamasco riserva uno spazio speciale a quelle lunghe notti che ogni anno preparavano il 13 dicembre, il giorno di Santa Lucia, ed alla tenera abitudine dei più piccoli di lasciare alla vigilia, sul davanzale della finestra, un po’ di paglia o una carota per l’asinello ed un bicchiere di latte tiepido con qualche biscotto per la Santa, impegnata nella distribuzione dei doni.

Erano momenti di eccitazione, di emozione e di attesa, per quel piccolo miracolo che avveniva sotto i nostri giovani occhi: la mattina il bicchiere di latte era vuoto, il cibo per l’asinello era scomparso, segno evidente che davvero la Santa era passata e i doni, modesti come i tempi imponevano anche ai santi, aspettavano di essere spogliati delle loro confezioni colorate in un tripudio di infantili gridi di gioia e di sorpresa.

E per i bimbi che non avevano “fatto i bravi” la delusione di un pezzo di carbone, che poi si sarebbe sciolto in bocca, durava lo spazio di una lacrimuccia, perché Lucia la Santa di Siracusa ma anche bergamasca e bresciana da innumerevoli generazioni non avrebbe mai punito troppo severamente un suo piccolo devoto. La poesia, il sogno romantico, la fede in un avvenire migliore in quei tempi coloravano la vita delle famiglie e la rendevano ricca di emozioni e di sentimenti genuini.

La “letterina a Santa Lucia” era un momento fondamentale, era necessario trovare un equilibrio tra i desideri e la possibilità di realizzarli, una dura prova che impegnava i genitori a non creare per i loro figli false speranze ma anche un’occasione per allargare lo sguardo a chi non avrebbe potuto ricevere nulla, neppure in quella notte magica. La generosità e l’altruismo non sono sempre doti innate, a volte hanno bisogno di essere coltivate, con umiltà e amore.

Anche oggi le famiglie e i loro figlioli scrivono a Santa Lucia, le loro letterine adornano la teca all’interno della Chiesa a lei dedicata nel centro di Bergamo, ma sempre più spesso i desideri non riguardano giochi e frivolezze, ma regali più personali e ricchi di valori umani: un pensiero ed un saluto per chi è partito per un lungo viaggio senza ritorno, una preghiera per la guarigione di una persona cara, la soluzione di un grave problema che coinvolge tutta la famiglia.

Città e provincia, che da qualche mese provano a recuperare un po’ della serenità perduta a causa della pandemia, hanno messo in moto iniziative e pianificato festeggiamenti nel segno di un ritorno graduale alla normalità ed è confortante la risposta concreta e prudente degli abitanti della nostra Valle, tenaci custodi di antiche e sempre vive tradizioni.

Enrico Scarpellini

Domenica, 12 dicembre 2021