Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Notizie dalla Val Brembana Salvaguardia del Pianeta: alla San Pellegrino dalle parole ai fatti

Salvaguardia del Pianeta: alla San Pellegrino dalle parole ai fatti

Oggi è la Giornata della Terra, l’Earth Day, che si celebra ogni anno su iniziativa delle Nazioni Unite, un mese e un giorno dopo l’equinozio di primavera. Quest’anno sono 193 i Paesi che nel mondo hanno aderito alla giornata di mobilitazione per l’ambiente e la salvaguardia del pianeta Terra.

Un Pianeta che sta vivendo una stagione difficile, maltrattato e sfruttato per anni, dove i cambiamenti climatici sono sempre più rapidi e profondi, le manifestazioni stagionali sempre più estreme, che hanno trasformato le aree tradizionalmente protette da clima mite in regioni tropicali soggette a violente precipitazioni con venti devastanti, spesso una vera furia della Natura.

La scienza e la Storia ci rassicurano che tutto ciò non è nuovo, che la Terra nel corso dei millenni ha conosciuto simili fasi di transizione, alcune delle quali hanno prodotto cambiamenti radicali nella vita del Pianeta, ma ci avvertono che se in passato il riequilibrio è avvenuto secondo le leggi naturali, oggi la presenza dell’uomo e soprattutto i suoi pesanti interventi sull’ambiente in nome del progresso possono far raggiungere in pochi anni il punto di non ritorno. E questa è la catastrofe che tutti dobbiamo evitare.

Basta iniziare con il piede giusto, trasformare le troppe parole concentrate in un solo giorno in fatti concreti capaci di modificare il futuro e salvare il salvabile. In questa direzione sta procedendo la nostra “Sanpellegrino”, che ha indicato nero su bianco quali saranno le proprie iniziative da qui al 2025, individuando con precisione anche gli obiettivi intermedi per il 2022.

Entro l’anno prossimo, infatti, si prevede di azzerare le emissioni di anidride carbonica per quanto riguarda l’acqua minerale S.Pellegrino, l’Acqua Panna e le bibite Sanpellegrino, allargando in seguito l’intervento a tutti i prodotti dell’Azienda che, giova ricordarlo, lavora da almeno nove anni per ridurre il consumo energetico ed abbattere l’impatto ambientale della propria attività grazie a misure che hanno consentito di ridurre del 60% le emissioni di CO2.

Quattro sono le aree individuate dalla Sanpellegrino dove concentrare gli interventi più significativi: la produzione, con investimenti di oltre 4 milioni per consentire l’utilizzo di biocarburanti, il confezionamento, dove vengono utilizzati al 100% materiali riciclabili, la logistica con una razionalizzazione dell’intero sistema di stoccaggio e distribuzione, ed il capitale naturale, la materia prima.

Non solo le imprese e i grandi gruppi, ma ciascuno di noi, anche nel proprio privato, può contribuire alla salvaguardia del Pianeta, la nostra unica casa, pensando in ogni momento a quali conseguenze, anche gravi o peggio estreme, ogni nostro gesto può produrre nel destino delle nostre future generazioni.

Giovedì, 22 aprile 2021