Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News Nuova Treviolo-Paladina verso l'apertura. Più fiato anche alla viabilità brembana

Nuova Treviolo-Paladina verso l’apertura. Più fiato anche alla viabilità brembana

La data potrebbe essere il 28 febbraio 2022, ultimo giorno del mese. Quindi con rispetto del cronoprogramma. Anche se quando si tratta di grande viabilità il condizionale è d’obbligo.

L’ultimo tratto di circa due chilometri della Treviolo-Paladina (Tangenziale Sud di Bergamo) sta per essere conclusa. A breve ci sarà l’asfalatura che consentirà l’apertura, prevista a fine mese. Il tratto da Treviolo a Mozzo è di fatto già concluso e utilizzato dall’estate scorsa (anche se su strisce gialle, perché l’asfalto posato non è quello definitivo). Ora mancherebbe un mese all’ultimo lotto, fino a Paladina: 1,7 chilometri in trincea e 350 metri per cinque gallerie artificiali (destinate alla viabilità locale). Un mese circa di lavori e poi la possibile apertura al traffico, anche se l’opera non sarà finita: mancheranno allacci alla rete elettrica (per lampioni e impianti ma anche per le pompe che dovranno aspirare acqua in caso di allagamenti). Per quelli bisognerà attendere l’estate. Anche l’asfalto non sarà definitivo, serviranno temperature più idonee per la posa.

Iniziati nel 2014 il cantiere della Treviolo-Paladina ha subìto rallentamenti per via dei cambi di azienda. Ora sono in corso gli ultimi lavori (l’intervento è costato 44 milioni di euro) a cura della Vitali spa di Cisano. Un’opera che darà un po’ di fiato anche alla viabilità verso la Valle Brembana, che attende però la conclusione della Tangenziale fino a Botta di Sedrina: opera i cui costi sono stati stimati in 420 milioni di euro per sei chilometri. Ma questa sarà un’altra storia, forse (molto) più lunga.

Foto di repertorio del cantiere, dalla pagina Facebook della Vitali Spa

Venerdì 4 febbraio 2022