Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News Cassiglio, querelle sul ticket al lago. Il Comune: troppi furbi approfittavano dell'ora...

Cassiglio, querelle sul ticket al lago. Il Comune: troppi furbi approfittavano dell’ora gratuita

Botta e risposta sulla querelle che da alcuni giorni vede protagonisti l’unico esercizio commerciale al lago di Cassiglio e il Comune. Motivo della polemica la modifica al regolamento per l’accesso all’area, tramite ticket, con l’eliminazione dell’ora gratuita, in vigore, invece, fino alla scorsa stagione. Dal 21 maggio di quest’anno il Comune ha deciso di aumentare le tariffe (3 euro per le auto) e soprattutto di eliminare la prima ora gratuita. Da qui la protesta dello storico bar sul lago, ora gestito da Sonia Ruffinoni che si vede penalizzata da tale decisione.

Il lago di Cassiglio

IL SINDACO: VALUTIAMO DI RINUNCIARE ALLA GESTIONE DELL’AREA LAGO

“Se il Comune vuole proprio imporre un ticket, faccia pagare il posteggio auto ma non l’ingresso all’area del lago”, aveva di nuovo scritto il gestore del bar al Comune.

Comune che ora, per voce del sindaco Silvia Lodedo, replica sottolineando i motivi del regolamento. “C’erano troppi furbi – scrive il primo cittadino – che usavano quell’ora gratuita non per il motivo per cui era stata lasciata”. E poi la rassicurazione su chi dovrà raggiungere il lago anche solo per un caffè. “Finora chi doveva raggiungere il bar o fare solo un giro al lago senza fermarsi – scrive il sindaco – non veniva multato. Sarà così anche ora”. Ma la polemica non è piaciuta all’Amministrazione comunale: “Viste le polemiche in atto stiamo seriamente valutando la possibilità di sciogliere la convenzione con la Regione (convenzione che dà in affitto al Comune l’area demaniale e quindi la sua gestione, ndr). Così facendo, però, conclude il sindaco, verrebbero meno tutti i servizi finora offerti in area lago“.

Mercoledì 15 giugno 2022