Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale News Brembilla, l'addio a Domenico Pesenti. "Umile e onesto, sei stato un lottatore...

Brembilla, l’addio a Domenico Pesenti. “Umile e onesto, sei stato un lottatore fino alla fine” (foto e video)

“Sei stato un lottatore fino alla fine e la malattia che ti ha accompagnato in questi anni non ha fermato la tua passione per la vita. Sei stato un combattente vero, un combattente che non si è lamentato dell’ingiustizia che gli è toccata, ma che ha saputo guardare le cose belle della vita”.

Così venerdì 3 giugno, nella chiesa prepositurale di Brembilla, il parroco don Andrea Sertori si è rivolto ai fedeli durante l’omelia funebre per Domenico Pesenti, 69 anni, sindacalista Cisl per una vita, già segretario nazionale Filca (edili) e presidente dell’Inas. Tante le persone che hanno preso parte al funerale, famigliari, amici, colleghi di tante battaglie sindacali. E poi la comunità di Brembilla, a cui Pesenti era particolarmente legato. “Sei stato capace di grandi avventure e ti sei fatto apprezzare per onestà, schiettezza e nella cura degli altri – ha detto ancora il parroco -. Un uomo di umiltà, che non ha mai ostentato gli incarichi importanti che è riuscito a raggiungere”.

Poi il ringraziamento dell’associazione “Comunità solidale”, di cui Pesenti è stato presidente: “Sei stato un esempio di disponibilità, umiltà e affidabilità”, ha detto una rappresentante dei volontari.

Nato il 20 settembre 1952, sposato con Rita, due figli, Andrea e Rossana, Pesenti viveva a Val Brembilla. Aveva solo 14 anni quando iniziò a lavorare alla Arditi, azienda del paese nel settore del legno. E nella stessa azienda divenne subito delegato sindacale. Dopo due anni venne chiamato dalla Filca provinciale fino a diventarne segretario provinciale nel 1981. Il suo incarico di prestigio dal 2003, quando è eletto Segretario generale della Filca Cisl nazionale. Nel 2015 è anche presidente dell’Inas, l’istituto di assistenza sociale della Cisl. Era in pensione dal 2018. La scomparsa, dopo lunga malattia, la sera del 31 maggio.

Venerdì 3 giugno 2022