Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Nóter de Bèrghem Motorizzazione civile di Bergamo senza direttore, disagi aumentano

Motorizzazione civile di Bergamo senza direttore, disagi aumentano

Rischia di peggiorare la già complicata situazione alla Motorizzazione di Bergamo,
a seguito dei vari cambi di dirigenza, le inchieste, la carenza di personale, l’incarico del direttore Giancarlo Casarini scaduto il 31 dicembre scorso. Per segnalare questa situazione si sono mobilitati il deputato Daniele Belotti e la senatrice Simona Pergreffi che hanno scritto al ministro dei trasporti Paola De Micheli e al capo di dipartimento della direzione generale della Motorizzazione Speranzina De Matteo per denunciare i disagi che i bergamaschi stanno affrontando da tempo.

“Chiediamo che venga nominato al più presto il nuovo direttore della sede della Motorizzazione Civile di Bergamo. La prolungata assenza di un direttore titolare non può che far peggiorare ulteriormente la situazione della sede di Bergamo che è ben nota malgrado i nostri pressing al Ministero che hanno portato a Bergamo nuovi esaminatori per accelerare l’iter delle scuole guida. La carenza di personale ha comportato pesanti ritardi nei servizi offerti, in particolare negli esami per il rilascio delle patenti. Con la pandemia i disagi per l’utenza si sono ulteriormente aggravati, tanto da arrivare ad un arretrato di quasi 10 mila domande. Inoltre i ritardi accumulatisi nell’evasione delle pratiche presso gli uffici della Motorizzazione civile si riflettono sulle autoscuole, le quali sono state già pesantemente colpite dalla sospensione delle attività dovuta al Covid-19, e che hanno pertanto necessità di lavorare il numero più elevato possibile di pratiche per compensare i mancati introiti patiti nel periodo di chiusura forzata”. Questo è ciò che scrivono la senatrice Pergreffi e il deputato Belotti, aggiugendo: “Per questo non possiamo assistere ad un aumento dei disagi per i bergamaschi e sollecitiamo la nomina del nuovo direttore titolare, quindi non a scavalco, degli uffici della Motorizzazione di Bergamo”.

Venerdì, 15 gennaio 2021