Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Nóter de Bèrghem Giovedì 18 marzo il via al “Bosco della Memoria”

Giovedì 18 marzo il via al “Bosco della Memoria”

Martedì, 9 marzo 2021

L’occasione è la prima Giornata Nazionale in memoria delle vittime del Covid, il luogo è il terreno adiacente all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, forse il simbolo più significativo del dramma vissuto lo scorso anno a causa dell’epidemia di coronavirus, la cerimonia è la posa di un tiglio adulto proveniente da Biccari, piccolo borgo sui Monti Dauni in provincia di Foggia, scelto per inaugurare ufficialmente il “Bosco della Memoria”, che l’amministrazione comunale di Bergamo, adottando il progetto pensato dall’Associazione Comuni Virtuosi, intende creare al Parco della Trucca.

Una celebrazione altamente simbolica, senza pubblico, alla presenza del Primo Ministro Mario Draghi e con il suggestivo accompagnamento della tromba di Paolo Fresu, “a sottolineare idealmente la necessità di rompere il silenzio con qualcosa che rimanga e cresca, come la musica, come le piante, senza fare un inutile rumore, un luogo vivo e partecipato per contrapporre a una tragedia immane un’immagine di speranza e di futuro”.

Così gli organizzatori illustrano il programma dell’inaugurazione che si terrà giovedì 18 marzo alle 12 al Parco della Trucca. Saranno presenti, oltre al premier Draghi, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, la presidente e il coordinatore dell’Associazione Comuni Virtuosi, Elena Carletti e Marco Boschini, insieme con i progettisti Paola Cavallini e Roberto Reggiani, rispettivamente architetto e agronomo.

La nascita del “Bosco” è stata sostenuta da una campagna di crowdfunding già attiva sulla piattaforma Produzioni dal Basso e dall’appoggio esplicito di personaggi ben noti come Francesco Guccini ed i Nomadi, gruppo particolarmente legato per vari motivi alla nostra città.

Il progetto prevede, entro l’autunno di questo stesso anno, la complessiva messa a dimora di circa 750 tra alberi e arbusti. All’interno delle isole alberate, concepite come luoghi di raccoglimento ma anche come futuro spazio di eventi ed aggregazioni, verranno realizzati camminamenti e sedute.