Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Nóter de Bèrghem Bergamo: arresti per bancarotta fraudolenta aggravata

Bergamo: arresti per bancarotta fraudolenta aggravata

Nelle prime ore del mattino del 18 maggio 2021, nella città di Bergamo e provincia, i
Carabinieri del Gruppo Tutela Lavoro di Milano, unitamente ai colleghi dell’Arma
territoriale, hanno dato esecuzione a due misure cautelari degli arresti domiciliari nei
confronti degli amministratori di fatto di una società edile del capoluogo milanese fallita nel 2018 e dell’obbligo di dimora a carico di due prestanomi, emesse dal G.I.P. di Milano, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica, Grazia Colacicco, poiché ritenuti responsabili – a vario titolo – dei reati di bancarotta fraudolenta aggravata, indebite compensazioni, emissione di fatture per operazioni inesistenti ed altri reati fiscali.
Il meccanismo adoperato è quello delle indebite compensazioni delle imposte dovute e degli oneri assicurativi e contributivi con crediti inesistenti ovvero creati attraverso false fatturazioni, che hanno permesso alla società di ottenere il DURC (documento di regolarità contributiva), così da poter liberamente operare sul mercato è accumulare ingenti profitti sottratti all’erario e trasferiti su conti correnti esteri oppure impiegati per l’acquisto di preziosi e orologi di pregio.
Contestualmente, sulla scorta delle risultanze investigative acquisite, è stato emesso
dall’Autorità giudiziaria un Decreto di sequestro preventivo, nei confronti degli
amministratori (di diritto e di fatto) della società fallita, relativo a:

  • gioielli e orologi per un valore di euro 92.200;
  • somma di euro 9.797.928,79 o di beni di cui gli indagati abbiano la disponibilità per un
    valore corrispondente all’illecito profitto.

Martedì, 18 maggio 2021