Val Brembana Web

Il Parco delle Orobie Bergamasche venne istituito nel 1989. Con una superficie di circa 63.000 ettari il parco include la parte bergamasca delle catena delle Orobie, le cui vette variano tra i 2000 m e i 3000 m di altitudine. Caratterizzato da valli che incidono profondamente il territorio e che alimentano le acque dei maggiori fiumi bergamaschi, quest'area protetta viene definita "parco montano forestale". Il patrimonio boschivo è uno degli elementi di maggiore importanza del parco grazie alla sua vastità e al suo peso naturalistico. In base ai differenti livelli di quota il parco offre una vasta varietà di biomi vegetali: alle quote tra 800 e 1400 m predominano il faggete, in consorzio con carpino nero,frassino, betulla e abeti oltre i 1300 metri sono presenti soprattutto i boschi di conifere con il peccio, l'abete bianco, il larice, il pino silvestre e il pino cembro.Il peccio, ossia l'abete rosso è , i lariceti, praterie e pascoli di alta quota, zone rupicole e nivali. Documenti del 1788 affermano che in passato questO parco era abitata da una variatà di speci animali, quasi ormai estinti come upi, orsi, gatti selvaggi, aquile e avvoltoi. Nonostante i grandi cambiamenti che hanno interessato la nostra società dalla seconda metà del XX secolo, molto si è salvato di quest'insolito e meraviglioso mondo che si estende a pochi passi dalla città di Bergamo.

Il territorio del Parco viene suddiviso in due nette aree geografiche, la parte settentrionale e la parte meridionale, che hanno aspetti assai differenti. La prima, chiamata il crinale orobico, che ha tendenza da ovest verso est, fa da confine con la Valtellina e il Parco delle Orobie Valtellinesi e presenta rocce scure e sedimentarie continentali o cristalline. La vetta più alta è il Pizzo Coca di 3050m, seguito dal Pizzo Redorta 3038m e dalla Punta di Scais. Considerevoli sono anche le vette del Pizzo dei Tre Signori, il Pizzo del Diavolo di Tenda e il Monte Gleno, su cui si trovano gli ultimi ghiacciai sopravvissuti. La parte meridionale invece è composta da gruppi montuosi isolati, che configurano le prealpi Orobie, formati da rocce chiare, soprattutto dolomitiche e calcaree di estrazione marina. Le vette maggiori sono l’Araralta, il Cancervo, l’Arera, la Presolana, il Ferrante, l’Alben.



- Vendita appartamenti case Valle Brembana - Il Punto di riferimento per chi cerca case, appartamenti, immobili, ville, poderi, rustici, locali commerciali o altro tipo di immobile in vendita nella splendida Valle Brembana immersa nelle Prealpi Orobie in provincia di Bergamo.

Bed and Breakfast Bergamo e provincia - Bed and Breakfast Bergamo Centro Città - Città alta Borgo Medioevale. Bergamo puo' essere considerata uno scrigno d'arte, natura e cultura. Possiede, monumenti e oggetti artistici di singolare bellezza, importanti testimonianze storiche e culturali. Città bella come poche altre al mondo, è la sintesi perfetta del rapporto tra cultura e natura che caratterizza l’intero territorio.

Appartamenti e case vacanza Bergamo - Holiday House Bergamo - Questa guida elenca le migliori agenzie immobiliari in Valle Brembana con le offerte più adatte alle vostre esigenze. Potrete visitare i loro siti, sfogliando le occasioni ed offerte elencate contattandole direttamente. Vendita appartamenti e case vacanza in Valle Brembana in provincia di Bergamo Prealpi Orobie. Appartamenti Case Vacanza Bergamo città bassa e città alta.

Bed and Breakfast Valle Brembana Bergamo - Bed & Breakfast. Residenze private in ambienti spettacolari vi daranno tutto cio' di cui avete bisogno per vivere la vita delle Prealpi Orobie dall'interno. La gentilezza dei gestori e la bellezza del paesaggio renderanno la tua vacanza unica e rilassante.


Fauna Alps - Importadas de la Valtellina, se han esparcido en todas las Orobie, gracias a la protección que se les da. No es infrecuente escuchar sus característicos silbidos de alarma en estas montañas. Hay otros pequeños mamíferos, aunque en menor número: armiños, comadrejas, garduñas y ardillas. Todos ellos, excepto las ardillas, son difíciles de ver. También el erizo está presente en las zonas de baja montaña. Entre las aves, encontramos cuervos, piquirrojas, algunas especies de rapaces – en particular, halcones, milanos y águilas ratoneras. Algunas veces se han visto águilas reales en los últimos años. Hay, además, bastantes perdices......


Orobic Fauna - During the last years there has been a sensible increase in the number of some species of animals of the Brembana Valley, thanks to a greater protection, a greater strictness in hunting and above all a greater civil awareness and respect towards the nature. What's more, in those last decades the coppice hasn't been cut and this has made life easy to some animals that live in those woods. On the contrary a lot of mechanic means that go on this mountain roads, tourists and mushrooms gatherers disturb those animals above all during the breeding period and this can cause a sensible fall in the number of the members of a species. Everyone who likes mountains and their animals has to remember this: in the mountains you have to avoid making any noise and you have to respect every being you meet. Among the ungulates one of the most common species of the OROBIE is the chamois. You can find it from Barbellino in the high Val Seriana to Pegherolo in the Val Brembana. Nowadays it is quite easy to see herds of chamois going along the paths of Curò you have only to leave early in the morning, keep silent and walk against the wind. Even the red deer has recently increased; it lives at low altitudes in thick bush wood and in coppice....


Fotografie Fauna Alpi - La Fauna Selvatica è una risorsa rinnovabile nel tempo, ed il prelievo venatorio risulta compatibile con la conservazione ambientale del Parco delle Orobie se effettuato su rigorose basi scentifiche. La giunta regionale ha adottato la carta dell'attività venatoria nel Parco delle Orobie Bergamasche, che distingue il suo territorio in due diversi regimi di tutela: le aree gestite attraverso la caccia programmata e le aree escluse dal prelievo venatorio.


Cerca Parco delle Orobie - La fauna è protagonista ovunque, dal fondo delle vallette, incastonate tra scoscese pareti, alle vette più alte. Così come per i colori, anche per i suoni della natura gli appuntamenti ci obbligano spesso a levatacce, comunque salutari, e il canto melodioso del Tordo bottaccio [Turdus philòmelos], che nidifica nelle nostre vallate, ci segnalerà che la stagione riproduttiva è in pieno svolgimento. Altro canto assai piacevole, che potremo sentire a fine primavera alle quote più elevate, è quello del Merlo dal collare [Turdus torquatus], ben più raro, tipico dei territori che segnano il limite superiore della fascia arborea. Le immagini che ci porteremo a casa con più soddisfazione saranno quelle che segneranno il nostro incontro con la Marmotta [ Marmota marmota] e con l’Aquila reale [Aquila chrisaetos].


Ambiente e Natura sulle Orobie - A quote piu' elevate si inseriscono le conofere, dapprima in associazione con faggetti e betulleti, quindi in forma escusiva, con predominio di abeti rossi, laricie, in subordine, abeti bianchi, pini neri e pini silvestri. Piu' in alto, in corrispondenza dei pascoli alpini, le fustaie lasciano il posto alla vegetazione erbacea frammista ad arbusti quali i ginepri, i pini mughi, gli ontani e i rododendri.


www.valbrembanaweb.com