Il portale della Valle Brembana e delle Orobie

Home Redazionale Notizie dall'Italia Il virus corre sui binari

Il virus corre sui binari

Attilio Fontana, Presidente della Regione Lombardia, ha chiaramente evidenziato come Milano, che era rimasta a marzo in una posizione defilata rispetto alla pandemia in Italia, ora ne è diventata l’epicentro e sta soffrendo come la bassa Valle Seriana a marzo: «Purtroppo la situazione che a marzo era concentrata su Bergamo adesso si è concentrata su Milano. E su Milano, che è una grande area urbana, la situazione è ancora grave come forse quella di marzo».

A soffrire di questa situazione è tutto il territorio lombardo che si trova sulla direttrice ferroviaria Milano-Brescia e con minore impatto anche sul ramo Treviglio-Bergamo, i cui binari attraversano la “terra di mezzo”, quella vasta area intermedia fra la metropoli lombarda e Bergamo che viene identificata come “la Bassa”.

Ciò rappresenta un’ulteriore prova che il maggiore veicolo di trasmissione del virus sia il trasporto pubblico, quello ferroviario destinato ai pendolari e quello su gomma. con ben maggiore impatto.

E questo spiega la recrudescenza del Covid-19 in questi territori della nostra pianura – che erano stati sostanzialmente risparmiati dalla prima ondata.

Questi i dati dell’ultima settimana: i comuni più vicini al Milanese, geograficamente e per la facilità e molteplicità dei collegamenti sono i più colpiti, con oltre duecento contagi ogni centomila abitanti: Treviglio 470, Casirate 485, Fara Gera d’Adda 485, Calvenzano 395, Arzago d’Adda 365, Boltiere 322, Castel Rozzone 351, Lurano 244, Morengo 438, Pagazzano 425, Fara Olivana con Sola 386, Romano 207. Più si procede verso est e più i numeri si riducono: massima attenzione, adottando tutte le precauzioni consigliate.