Val Brembana Web



  • Rifugio Madonna delle Nevi ospita: Gruppi d’oratorio di giovani e adolescenti - gruppi di famiglie - ragazzi del c.r.e. Favorisce e promuove: Corsi di aggiornamento per educatori e animatori - campi scuola - incontri di formazione. La cresta spartiacque tra Ca' San Marco e San Simone, ci regala una magnifica veduta aerea del Rifugio Madonna delle Nevi.

  • Sentiero delle Orobie: Passo San Marco -> Foppolo - veduta aerea del Rifugio Madonna delle Nevi, verso il quale punteremo, ... In questo tratto della traversata serve prestare attenzione al tracciato...

  • Monte Cavallo - Rifugio Madonna delle Nevi. Dislivello: 987 metri. Ne diamo la descrizione della salita partendo dal Rifugio Madonna delle Nevi, anche se viene salita...

  • Mezzoldo Rifugio Madonna delle Nevi - Rifugio Madonna delle Nevi (ponte dell’acqua Mezzoldo) Posti letto 120..


  • Sui sentieri delle Alpi Orobie in alta quota consigliabile di non avventurarsi da soli su queste montagne, non tanto perché siano troppo pericolose, quanto per il fatto che sono poco frequentate fuori stagione e nei giorni feriali, e in caso di infortunio accidentale, specie nei mesi invernali, sarebbe molto rischioso trovarsi da soli. In ogni caso, è sempre bene avvisare qualcuno dove si ha intenzione di andare e più o meno l'ora prevista per il ritorno. Si può dire che la rete di ricoveri occasionali e di rifugi, copre il territorio di alta montagna, dai 1500 metri in poi. Si raccomanda pertanto, in caso ci si serva di questi bivacchi, di lasciare tutto nel miglior ordine possibile, in modo che la struttura sia agibile in altre occasioni e da altri che possono trovarsi in difficoltà.

  • Sentiero delle Orobie Occidentali e Orientali - Le mulattiere e i sentieri di Montagna, alcuni dei quali sono stati riportati alla loro originaria funzionalita'sono all'incirca gli stessi che per secoli hanno visto il passaggio consueto degli uomini della Valle, per i quali la salita ai monti non era certo occasione di svago e di pratica sportiva, ma una primaria necessita' di sostentamento.



  • Rifugi delle Orobie Occidentali - La zona delle Alpi e Prealpi Orobie Occidentali Bergamasche è particolarmente ricca di rifugi e bivacchi. Consigliabile pernottare dal form che trovere nell'informativa del singolo Rifugio. Illustreremo le caratteristiche, prezzi, aperture, chiusure e come arrivarci..... Quasi tutti i Rifugi sono accessibili da un itinerario trekking chiamato Sentiero delle Orobie (n°101), altri accessibili anche in auto (vedi Cà San Marco e Madonna della Neve).

    Il Parco delle Orobie Bergamasche - La Fauna Selvatica è una risorsa rinnovabile nel tempo, ed il prelievo venatorio risulta compatibile con la conservazione ambientale del Parco delle Orobie se effettuato su rigorose basi scentifiche. La giunta regionale ha adottato la carta dell'attività venatoria nel Parco delle Orobie Bergamasche, che distingue il suo territorio in due diversi regimi di tutela: le aree gestite attraverso la caccia programmata e le aree escluse dal prelievo venatorio. In base alla loro configurazione ed alle loro connotazioni ambientali, le aree vietate alla caccia sono collocate ad alti livelli altimetrici e raggiungono i 3.000 metri s.l.m. esse assumono un indubbio valore per la conservazione della Pernice Bianca e delle Lepre Bianca, speci di grande interesse naturalistico e venatorio simbolo dell'ambiente alto-alpino. Queste speci stanno attraversando in generale su tutte le Alpi, un periodo di forte regresso numerico, in special modo sulle Orobie. Le aree di maggior presenza della Pernice e della Lepre Bianca sono: Il Monte Ponteranica e il Pizzo dei Tre Signori, l'anfiteatro dei Laghi Gemelli, il Pizzo del Diavolo e Redorta, la Val Cerviera, i versanti del Monte Gleno e Domignone, tutte aree di indiscutibile significato naturalistico e conservazionistico.