Proverbi Bergamaschi e Cusiosità antiche


Antica saggezza popolare, la Tradizione molto spesso e' tramandata con i racconti nello specifico grazie al dialetto con i proverbi. Proprio del dialetto bergamasco era (ed e') l'argutezza delle battute che, unita ad una ricca tradizione di proverbi vivaci ed immaginosi, contribuì nel '500 col fiorire di un genere letterario nuovo quale la commedia a fornire un materiale di divertimento e di comicità. I tipi buffo e ridicoloso, costituirono con le loro battute tutto un repertorio destinato a caratterizzare nella Commedia dell'Arte fino al Goldoni la maschera a tutti nota di Arlecchino. In questi pochi proverbi elencati e' possibile rintracciare quella disincantata visione della vita propria del popolo bergamasco, la sua saggezza legata al profondo vincolo con la propria terra d'origine e con le proprie tradizioni: preziosa testimonianza di un mondo che oggi sta ormai scomparendo.

Elencheremo qui sotto alcuni dei tanti proverbi brembani.
Cliccando sui tasti si potra' ascoltare il proverbio in dialetto bergamasco....!!


Proverbi Bergamaschi e Cusiosità antiche
Proverbi Bergamaschi e Cusiosità antiche
Terra nera fa' buon frutto, terra bianca guasta tutto
Proverbi Bergamaschi e Cusiosità antiche
Tira di piu' un pelo di donna, che cento cavalli che trottano
Proverbi Bergamaschi e Cusiosità antiche
L'amore e la frittata vanno fatti in una fiammata
Quando le donne portano le braghe e il cappello tutto il mondo va a bordello
Donne, passere e oche son tante anche quando son poche
Coloro che incontrano una donna il proprio giorno dell'anno, sono sfortunati per tutto l'anno
Quando la barba diventa bianca, abbandona la donna e prendi in mano il vino
Piuttosto che prendere un vecchio con la barba grigia, e' meglio un giovane senza camicia
Chi mena moglie di lontan paese spesso a nuovi parenti fa le spese
La zuppa senza formaggio e' una carrozza senza cavalli
Proverbi Bergamaschi e Cusiosità antiche
Quando il monte e' coperto lascia la falce e ammucchia il fieno perche' viene a piovere
A Natale il sole fa un passo come il gallo
Proverbi Bergamaschi e Cusiosità antiche
Quando vengono le viole arriva la primavera

Le voci sono di Cortinovis Giuseppe (Beppe) di Zogno



Proverbi Bergamaschi e Cusiosità antiche
Un tempo fenomeno tipico popolare delle Valli Bergamasche, in particolare della Val Brembana era quello di dare dei "Soprannomi" agli abitanti dei Paesi e delle Frazioni. Questa abitudine (se così si puo' chiamare), iniziata nel '600 è ora ormai pressochè sparita. Questi "titoli" venivano dati in base alle abitudini, ai lavori, ai pregi o difetti che gli abitanti del tal posto avevano, influiva anche la posizione del luogo, che contava molto per questa simpatica e tipica abitudine. Il soprannome veniva dato anche pero' per sminuire o ridicolizzare gli abitanti della frazione rivale. Questa usanza ha funzionato solo fino a quando le comunità dei villaggi erano considerate come un unica entità. . . . altri tempi. . . .


Manzöi dè Foppol - (prima di diventare stazione sciistica vi erano mandriani)
I Rampì dè Allef - (persone considerate scaltre e svelte)
I Duturì dè la Caruna - (persone faccenti e vanitose)
Sòcoi - (per l'abitudine di portare gli zoccoli)
Trabuchello
Gognì - (furbi)
I Bar dè Fundra - (territorio ostile adatto alle capre)
Bordogna
Sitadì - (per la loro emigrazione verso le città)
Baresi
Sciopetì - (gran passione per la caccia)
Gosatèi - Santarèi (gozzuti e devotissimi)
I Macc dèl Moi - (gente originale e particolare)
I Cacc dè Alnigra - (perchè sempre molto puliti)
I Stizzu' dè Piazza - (gente che istiga)
I Sbèr dè Lenna - (rissosi e scaltri)
I Pontasèi dè Olm - (per i numerosi ponti che vi sono)
Malpàss - Malpàssaga - (vi si potevano fare brutti incontri)
I Gacc dè Piassöl - (inteso come le poche persone che vi abitavano)
Borèler dè Piazzatòr
I Bar dè Urniga
I Balabiocc dè Mesolt - (perchè spesso cambiavano idea)
I Bocàlu' dè Vrera - (creduloni e ingenui)
I Bèch dè Santa Brigida - (capre)
I Carpègn dè Cuss - (per i numerosi Carpini nella zona)
I Berciai dè Casèi - (per via dei cappelli che portavano)
I Ciodaröi dè Altòrta - (per le fucine di ferro che c'erano nella zona)
Sottochiesa
Pizzino
Olda
Peghera
I Pèlande dè Sot-Cesa - (bellimbusti e vanitosi)
I Basa Mòrcc dè Pizzì - (per la vicinanza del Passo Baciamorti)
I Brüstülìcc dè Olda (per via della bella esposizione al sole)
Pechèròcc
Vedeseta
Grasso
I Spagnöi dè Vedèseta - (per via dell'antica dominazione Spagnola)
Lüff - (Lupi)
San Giovanni B.
Fuipiano al Brem.
San Gallo
Cornalita
I Peladèi dè San Gioan - I Maiacàrta (castagne lesse - Cartiere Cima)
I boassì dè Föpià
I Tripinì dè San Gal - (le gallinelle)
I Bèch dè Cornalida
Camerata C.
Cornello
Orbrembo
I maia mòrcc - (morti di fame ?)
I Marmitì dèl Cornèl
Ombrelèr - (ombrellai)
San Pellegrino T.
Santa Croce
I Pelì dè Sanpiligrì
I Tacui dè Santa Crus - (Uccelli)
Bracca
Cornalta
I Litiàncc dè Braca
I Bar dè Cornolta
I Patate dè la Costa - (patate)
I Fasöler dè Rigusa
Serina
Lepreno
Valpiana
I Ciödaroi dè Serina
I Gacc dè Levrè
I Strachinàcc dè Alpiana
I Asègn
Oltre il Colle
Zorzone
Zambla Alta
Zambla Bassa
I Chissöi dè Oltre l' Còl
I Càvrècc dè Zurzu'
I Boassì dè Zambla Ölta
I Baloch
I Macc dè Dosena
Zogno
Endenna
Somendenna
Stabello
Poscante
Grumello dè Z.
Ambria
Miragolo
I Mui dè Zògn - (i muli di Zogno)
I Oselì - (uccelli)
I Miserère - (i bigotti)
I corer dè Stabèl (corrieri postali in quel di Venezia)
I Büli o i Castègnù dè Poscant - (per l'abbondante produz. di castagne)
I Fachì dè Grömè l - (Facchini che si recavano a Venezia)
I Balerì -
Reloèr dè Miragol - (per gli orologi dei famosi Gritti)
Brembilla
S. Antonio Abb.
Catremerio
I Lüf dè Brembill
I Bandunàcc dè Sant'Antòne
I Aocàcc dè Catremer
I Màia Fich dè Obiàl
I Brinacc dè Sedrina - (per l'esposizione fredda del paese)
I Mastèlu'


Visita la nostra Valle Brembana